Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'INIZIATIVA

Facebook dichiara guerra alle bufale sui vaccini

Il social network annuncia di voler limitare la diffusione di notizie dichiarate false dall’Organizzazione mondiale della Sanità e dai centri Usa per la prevenzione e il controllo delle malattie

08 Mar 2019

A. S.

Facebook scende in campo e prende posizione sulle fake news che riguardano i vaccini: il social network ha annunciato di voler mettere un freno alla diffusione delle “bufale” che provengono di cosiddetti ”no vax”, tenendo come bussola le posizioni dell’organizzazione mondiale della sanità e dei centri Usa per la prevenzione e il controllo delle malattie. 

Ad annunciarlo è proprio un post pubblicato dal social network sulla propria newsroom, in cui si specifica che sarà fatto tutto il possibile per ostacolare la diffusione delle fake news in tema di vaccini, limitando la visibilità delle pagine che trattano di questi temi sia su Facebook sia su Instagram.  

Quattro i passi che Facebook annuncia di voler intraprendere: la riduzione della presenza nel news feed e nel search dei gruppi e delle pagine che diffondono disinformazione sui vaccini, che non saranno inclusi tra quelli raccomandati o tra quelli che appaiono “in automatico” quando si avvia una ricerca.

Inoltre “Quando troveremo annunci o pubblicità che includono contenuti di disinformazione – si legge sul post – li respingeremo. Abbiamo tra l’altro già rimosso alcune chiavi di ricerca, e per le pubblicità che continueranno a violare le nostre politiche potremo prendere ulteriori provvedimenti, come il blocco dell’account”. Facebook afferma inoltre che non saranno mostrati né raccomandati contenuti che contengono informazioni inesatte sui vaccini, anche su Instagram explore o sulle pagine degli hashtag. Il social network è infine impegnato a trovare il modo di diffondere contenuti educativi sui vaccini quando gli utenti si imbatteranno su contenuti che la società giudica inappropriati.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

F
facebook

Approfondimenti

F
fake news

Articolo 1 di 5