Formazione, Fapav punta tutto sul digitale - CorCom

STRATEGIE

Formazione, Fapav punta tutto sul digitale

L’assemblea della Federazione, che ha definito gli obiettivi per il 2021, ha istituito il progetto Labs – Learn Antipiracy Best Skills per implementare le skill degli associati. Via alle nuove sedi di Roma e Milano

22 Dic 2020

Domenico Aliperto

Fapav, la Federazione per la Tutela dei Contenuti Audiovisivi e Multimediali, annuncia due importanti novità: la nascita di Labs – Learn Antipiracy Best Skills, programma dedicato alle attività di educational e di formazione per promuovere la conoscenza e la tutela del comparto audiovisivo italiano, e le due nuove sedi a Roma e Milano, operative nel corso del prossimo anno. Si tratta – si legge in una nota – di una decisione dell’Assemblea di fine anno, tenutasi lo scorso 17 dicembre ulteriore, che rappresenta un segnale della crescita dell’associazione e che rafforza la presenza sul territorio nazionale e la vicinanza agli Associati. Nel corso dell’Assemblea è stato inoltre ratificato l’ingresso in Federazione di Fenix Entertainment, società di produzione e distribuzione.

Crescita, formazione e tecnologia sono le parole chiave per descrivere lo scenario e le prospettive della Federazione, da anni in prima linea nella lotta alla criminalità informatica. Una realtà consolidata con oltre 40 associati e che guarda al futuro con determinazione e nuovi obiettivi quale centro direzionale e operativo per il contrasto alla pirateria audiovisiva a 360 gradi”, comunica Fapav.

Nel corso dell’Assemblea sono stati forniti agli Associati Fapav aggiornamenti sulle attività condotte nel corso dell’anno e illustrate le priorità e gli obiettivi strategici per il 2021. “Un anno difficile che ha comportato un continuo aggiornamento nelle modalità operative rendendo necessario un vero e proprio salto di qualità nella lotta alla criminalità informatica”, dichiara Federico Bagnoli Rossi, Segretario Generale Fapav. “Il cambiamento nelle abitudini e nei consumi, determinato dalle restrizioni dell’emergenza sanitaria, ha richiesto l’adozione dei migliori e più efficaci strumenti di tutela. Non ci siamo mai fermati per sostenere al meglio l’industria audiovisiva, implementando misure di tutela sia per le nuove uscite che per le opere di catalogo”. Bagnoli Rossi sottolinea che la federazione è sempre stata anche attiva nelle iniziative educational e di sensibilizzazione, attraverso progetti dedicati, anche nelle scuole e in sinergia con altre associazioni. “Vogliamo implementare queste iniziative, che riteniamo fondamentali per una completa ed efficace azione di tutela del comparto audiovisivo. Con Labs saremo attivi anche per quanto riguarda i corsi di formazione professionalizzanti con l’obiettivo di diffondere ulteriormente la conoscenza delle competenze necessarie a conoscere ed affrontare il fenomeno della pirateria audiovisiva in tutte le sue sfaccettature. Labs nasce dall’esperienza acquisita negli anni dalle due anime di Fapav, Core (enforcement) e Factory (comunicazione), e rappresenta un ulteriore tassello per la crescita e lo sviluppo della Federazione, dandoci anche la possibilità di instaurare nuove collaborazioni”.

Le attività svolte nel 2020

Per quanto riguarda le attività realizzate nel corso del 2020 sono state portate avanti, sul fronte dell’enforcement, rimozioni selettive dei contenuti non autorizzati, supporto alle Forze dell’Ordine anche in qualità di ausilio tecnico ed è stato inoltre ottenuto il blocco di 376 siti illeciti grazie al Regolamento Agcom. Sul piano della comunicazione, invece, oltre ai consolidati progetti educational, sono state avviate numerose collaborazioni e specifiche attività online di promozione e diffusione della conoscenza del fenomeno della pirateria, coinvolgendo Istituzioni ed Aziende associate.

WHITEPAPER
Formazione digitale: come concili qualità e flessibilità?
Digital Transformation
Risorse Umane/Organizzazione

Il 2020 è stato anche l’anno in cui Fapav ha ulteriormente consolidato le relazioni internazionali, sia sul fronte dell’enforcement che istituzionale, rendendo la Federazione un punto di riferimento nella lotta alla pirateria del nostro Paese.

La prospettiva per l’anno nuovo

“Sul piano istituzionale ci auguriamo che il prossimo anno possano essere calendarizzate e affrontate le varie proposte di legge in tema antipirateria e che auspichiamo possano dare una risposta legislativa organica e ancora più strutturata. Sul piano europeo, invece, grande attenzione verrà riposta agli sviluppi dei vari provvedimenti europei che andranno a toccare tematiche correlate alla lotta alla pirateria audiovisiva”, aggiunge il Segretario Generale della Fapav.

Il 2021 vedrà lo sviluppo di nuove tecnologie proprietarie della Federazione, oltre al consolidamento di quelle già utilizzate, con l’obiettivo di rafforzare ulteriormente i tool a disposizione e rispondere al meglio alle necessità degli Associati. “Un sentito ringraziamento alle Istituzioni che hanno operato instancabilmente nel corso di quest’anno: il prezioso lavoro portato avanti dalle Forze dell’Ordine, dalla Magistratura e da Agcom ha consentito di raggiungere importanti risultati e di mettere a segno operazioni senza precedenti”, chiosa il Segretario Generale. “Ringrazio gli Associati che ci hanno confermato la loro fiducia anche in questo anno complicato e, grazie al loro imprescindibile sostegno, siamo in grado di affrontare con il massimo impegno il prossimo anno e le tante novità”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

F
fapav

Approfondimenti

A
associazione
A
audiovisivi
F
formazione
P
pirateria