Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Google-Cina, tempo scaduto. Scattano i primi black out

Il disservizio è limitato al completamento automatico della query. Ancora in stand by il rinnovo della licenza da parte del governo di Pechino

01 Lug 2010

E’ scaduta la licenza obbligatoria rilasciata dalle autorità di
Pechino che permetteva fino a ieri a Google di operare in Cina come
Icp (Internet content provider). Proprio ieri l’americana aveva
annunciato la sospensione del reindirizzamento automatico dei
navigatori verso Hong Kong, nel tentativo di ottenere il rinnovo
della licenza, ma per ora non ci sono novità e il motore di
ricerca in Cina risulta, come riferito da Google stessa,
"parzialmente bloccato".

In pratica, alcune funzioni, come l'e-mail e le news, sono
ancora accessibili, ma non è possibile completare automaticamente
le ricerche con la funzionalità Google Suggest, particolarmente
popolare in Cina data la complessità della scrittura locale. Le
ricerche effettuate scrivendo manualmente l'intera query
sembrano funzionare regolarmente, ha precisato Google
all'agenzia France Presse. Inoltre, il blocco coinvolge solo le
ricerche condotte dalla Cina, non da Hong Kong.

Il blocco arriva a poche ore dalla scadenza della licenza che il
governo di Pechino rilascia agli internet provider che vogliono
operare sul territorio cinese. Proprio temendo problemi per il
rinnovo dell'autorizzazione, ieri Google aveva parzialmente
modificato le procedure adottate negli ultimi mesi per aggirare i
filtri imposti dalle autorità cinesi su internet: anziché
indirizzare automaticamente gli utenti di Google China verso Google
Hong Kong, è stato messo sulla homepage cinese un link che i
navigatori devono appositamente cliccare per accedere ai servizi
non censurati.



Secondo il quotidiano Repubblica, non è chiaro se il disservizio
sia direttamente legato con la scadenza dell'autorizzazione
visto che, spiega Google, blocchi simili si sono verificati anche
dieci giorni fa.
 E comunque ancora non ci sono notizie sulla
posizione del governo di Pechino in merito a un eventuale rinnovo
della licenza. In base all'ultimo aggiornamento del
"Mainland China service avaliability" di Google,
l'accessibilità del motore di ricerca si attesta tra il 10% e
il 66%. Sui servizi News, Gmail e Images non si segnalano problemi.