Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Google spariglia le carte: arriva l’e-book via browser

Big G pronta a sbarcare nel mercato degli e-book con il servizio Editions che debutterà in estate. Parte la sfida a Apple e Amazon. Il catalogo accessibile da qualsiasi terminale

05 Mag 2010

È sempre più vicino lo sbarco di Google nel mercato degli e-book.
Secondo quanto anticipato da Mountain View al Wall Street Journal,
Google Editions – questo il nome del servizio – sarà lanciato
tra giugno e luglio.

“Google Editions distinguerà dai servizi offerti dalle aziende
rivali perché consentirà di cercare i titoli digitali attraverso
il servizio di ricerca di Google Books, e quindi di acquistarli e
leggerli direttamente dal browser usato per navigare sul web –
spiega al Wsj Chris Palma, strategic partner development manager di
Mountain View -.Questo significa che il servizio sarà accessibile
da terminali diversi fra loro, a differenza di quanto accade ad
esempio con l'iBook di Apple per l'iPad o il Kindle di
Amazon, anche se quest'ultima ha realizzato versioni del
software per la lettura anche per terminali diversi dal
proprio”.

Google permetterà ai venditori, anche a quelli indipendenti, di
ospitare Google Editions sui propri siti web, offrendo loro
''buona parte dei ricavi'', precisa Palma. In
questo modo anche i retailer minori potranno avere a disposizione
un avanzato servizio di vendita on line di libri elettronici e una
vasta selezione di titoli da proporre ai clienti. Ancora da
decidere invece chi fa il prezzo finale, se Google oppure gli
editori.

Mountain View è tra l'altro in attesa della decisione del
giudice distrettuale di Manhattan, Denny Chin, in merito
all'accordo con autori ed editori per la digitalizzazione di
milioni di libri fuori edizione ma protetti da copyright. Giudizio
che potrebbe rendere disponibili milioni di titoli in più per il
nuovo canale di vendita.

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link