Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Hadopi, scatta il rimborso per gli operatori

Dopo il rifiuto di Free di inviare le e-mail di avviso ai “pirati” l’esecutivo passa al contrattacco: 65 centesimi per ogni indirizzo IP individuato

11 Ott 2010

65 centesimi per ogni indirizzo IP individuato. Tanto rimborserà
il governo francese agli operatori incaricati – stando a quanto
prevede la legge Hadopi – di localizzare gli internauti scoperti
a scaricare illegalmente dal Web. La decisione è stata presa dopo
che il provider Free si era
rifiutato
di inviare la prima e-mail di avviso all’utente
“pirata”, sostenendo che la procedura violava il diritto alla
riservatezza. In realtà, dietro il rifiuto, si celava una
questione meramente economica: ovvero il costo che l’operatore
sostiene per identificare il titolare della linea Internet. Secondo
la stampa francese l’indennizzo costerà alle casse dello stato
circa 12 milioni.