Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Il Sun sotto attacco hacker. News Corp rafforza la security

Dopo la violazione del sito da parte del gruppo LulzSec i quotidiani del gruppo rivedono le misure di protezione. I dipendenti obbligati a cambiare le password delle e-mail

19 Lug 2011

''Questo è quello che facciamo: intrattenimento di alta
qualità, solo per voi. Siamo la generazione inarrestabile degli
hacker''. E poi giù insulti a Rupert Murdoch. Così, su
Twitter, i pirati informatici del gruppo LulzSec si vantano della
loro ultima impresa. Stanotte hanno violato il server del tabloid
The Sun, proprietà del magnate australiano, e nella home page il
sito si è ritrovato in rete per un paio d'ore con la falsa
notizia della sua morte.

Smentita la clamorosa ma falsa informazione – si parlava del
ritrovamento del suo corpo nel giardino di casa –  The Sun e agli
altri giornali britannici del gruppo News International rimane ora
un problema: la paura infatti è che le e-mail rubate stanotte dai
server del Sun e di News of the World possano essere diffuse dai
pirati informatici.
Per cercare di evitare il ripetersi di inconvenienti simili, i
quotidiani britannici di Murdoch hanno ricevuto istruzioni di
rafforzare la propria sicurezza informatica, mentre ai dipendenti
è stato raccomandato di cambiare le proprie password.

Nel loro sito, i Lulz  – un neologismo dall'abbreviazione
inglese 'Lol, laughing out loud' che nel gergo delle chat
si usa per la risata) riassumono la loro filosofia in una parola:
fun, divertimento. E sicuramente negli ultimi mesi devono essersi
divertiti parecchio con la serie di performance di cui si sono resi
protagonisti, attaccando a livello informatico la Cia, il Senato
Usa e la Sony.

Murdoch è solo l'ultimo dei personaggi illustri che subiscono
le attenzioni degli hacker, galassia piuttosto variegata di gruppi
chwe fanno riferimento a varie sigle. In Italia, ad esempio, è
salito agli onori della cronaca nei mesi scorsi il gruppo
Anonymous, con una serie di attacchi contro il sito del governo
italiano, quelli di Camera e Senato e di aziende come Eni, Enel,
Finmeccanica, Mediaset, Rai e molti altri.