Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Il Web 2.0 piace alle aziende IT: in Italia si investe

Blog, social network, web video e forum si fanno progressivamente strada. Via allo sviluppo di strumenti “in-house” per migliorare la comunicazione aziendale

27 Ott 2009

E' in fase di evoluzione l'adozione degli strumenti tipici
del Web 2.0 da parte delle aziende IT italiane. E' quanto
emerge da una survey, che ha coinvolto 98 player del settore
(principalmente vendor)  – il 96% dei partecipanti appartiene ai
reparti Direzione generale, Direzione Marketing e Direzione vendite
– condotta da 1000Ottani e Surveye.info.

"Più del 90% delle aziende intervistate dichiara di conoscere
blog, social network, web video e forum", spiega Matteo Ranzi
di 1000Ottani -.  La presenza del Web 2.0 appare però superiore
nella vita privata che nelle strategie delle aziende. "L’89%
dei rispondenti frequenta infatti personalmente ambiti di social
networking, mentre le imprese che utilizzano in generale i nuovi
strumenti sono il 52% del panel analizzato. In azienda al momento
prevalgono web video, forum e social networking. Il 72% dei player
che frequenta attivamente ambiti web 2.0 lo fa da meno di un anno.
Il 74% delle aziende che non lo fa intende attivarsi in futuro
prevalentemente con soluzioni sviluppate internamente. Gli
investimenti marketing nei prossimi anni verranno indirizzati verso
il web 2.0, per il 79% dei partecipanti".

L’iniziale perplessità di manager ed aziende verso la novità
del Web 2.0 riscontrate negli anni scorsi, sta dunque
progressivamente lasciando il posto ad una fase di incremento di
conoscenza ed interesse "che porterà entro breve ad una
adozione massiva di nuovi strumenti – conclude Ranzi -. Si tratta
di una evoluzione epocale che modificherà il modo di fare
marketing e di rapportarsi con il pubblico di riferimento anche nel
settore IT”

Per i risultati dettagliati della survey clicca qui

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link