Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL CONVEGNO

La radio ai tempi di IoT e banda larga: la vision di Lepida

In occasione della rassegna “Marconi Radio Days” la società ha acceso i riflettori su come le evoluzioni tecnologiche cambiano il settore. Focus anche sulla tv

02 Mag 2019

Si è conclusa con oltre 25 eventi sul territorio metropolitano la XIII edizione della rassegna “Marconi Radio Days”, importante appuntamento cittadino volto a celebrare il lascito scientifico e la vocazione innovativa del genio marconiano, precursore, con l’invenzione della radio, anche dei moderni sistemi di comunicazione, dalla televisione a Internet al WiFi. Affiancando anche quest’anno il Comune di Sasso Marconi e la Fondazione Guglielmo Marconi, organizzatori dell’iniziativa, Lepida ha partecipato alla giornata inaugurale dell’11 Aprile attraverso un convegno di approfondimento presso l’Auditorium Dams Lab sul rapporto tra radio, Banda Ultra Larga e Internet of Things, con la partecipazione dei principali attori del mercato pubblico e privato, dall’European Communications Office a Telecom, da Open Fiber al Ministero dello Sviluppo Economico, alla presenza di una nutrita platea di oltre 180 spettatori.

Dopo una panoramica introduttiva sugli indirizzi strategici alla base degli investimenti regionali e nazionali nella diffusione della Banda Ultra Larga, nel corso del convegno è stata illustrata in dettaglio la roadmap che permetterà nei prossimi anni, ai concessionari individuati, di raggiungere la copertura quasi completa dei 36 milioni di indirizzi civici italiani con connessione Internet di ultima generazione. Particolare interesse è stato dedicato al ruolo e alla funzione dei radioamatori nel moderno panorama delle telecomunicazioni – soprattutto nelle situazioni di emergenza idro-geologica, nelle quali solo l’utilizzo di frequenze radio garantisce a tutt’oggi la trasmissione di segnale anche in caso di isolamento delle aree colpite – in un dibattito che ha ospitato rappresentanti della Protezione Civile e di Regione Emilia-Romagna, oltre che radioamatori autorizzati.

Con grande attenzione è stato trattato anche il tema dell’imminente switch off del digitale terrestre, con passaggio graduale, entro il 2022, dalla trasmissione in Mpeg-2 al Mpeg-4 e infine al nuovo sistema Dvb-T2 Hevc; nell’ambito del panel sulla comunicazione televisiva, è stata infine affrontata la sfida dei nuovi sistemi di streaming on demand a opera della grande distribuzione statunitense, principale concorrente della televisione tradizionale, soprattutto tra i giovanissimi. L’evento, accreditato dalla piattaforma di formazione continua Sigef, ha visto una nutrita partecipazione di giornalisti emiliano-romagnoli, ai quali il Presidente dell’Ordine Regionale Giuseppe Rossi ha ricordato, attraverso la lettura di uno scritto di Enzo Biagi, il ruolo insostituibile svolto dalla radio nello scandire i momenti più significativi della storia e della politica moderne. I materiali della giornata sono disponibili al link http://HniZisXl.chaos.cc

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

B
banda ultralarga
I
IoT
L
lepida

Articolo 1 di 4