Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

La tecnologia? Aiuta a rafforzare le relazioni sociali

La ricerca di Pew Internet and American Life Project rileva che la quantità di rapporti sociali è in media più alta del 12% tra chi usa il cellulare e del 9% tra chi partecipa a social network

06 Nov 2009

Internet e cellulari ostacolano la vita sociale? Un mito da
sfatare. A dirlo la ricerca di Pew Internet and American Life
Project “L'isolamento sociale e le nuove tecnologie”,
secondo cui, al contrario, l’utilizzo della Rete e dei telefonini
determina un rafforzamento nonché una diversificazione dei
contatti sociali.

“Davanti ai cambiamento sociali si ha sempre la tendenza a dare
la colpa alla tecnologia –spiegano Keith Hampton e Lauren
Sessions, gli analisti che hanno stilato il report -. In realtà
dal 1985 ad oggi l’isolamento sociale non è mutato”.

Intervistando 2512 americani, la società ha sottolineato che
“solo il 6% della popolazione adulta non ha nessuno con cui
parlare e il 12% non ha persone con cui confidarsi, così come
avveniva 25 anni fa – si legge nel report –. La novità invece
sta nella possibilità di aumentare le relazioni utilizzando social
network o altri mezzi di comunicazione digitale”.

Nello specifico la quantità di rapporti sociali è in media più
alta del 12% tra chi usa il cellulare e del 9% tra chi partecipa a
sistemi di photo-sharing o invia eMail; inoltre solo il 45% confida
questioni importanti ad amici o conoscenti mentre lo fa il 55%
degli utenti del Web.

Chi si scambia foto in Rete ha il 61% di possibilità in più di
chi non lo fa di scambiarsi opinioni con interlocutori che hanno un
altro background sociale e culturale; i blogger hanno il 95% di
chance in più di relazionarsi a persone di etnia diversa.

Inoltre gli utenti di Internet non restano “confinati” dietro
uno schermo: tra i frequentatori di luoghi pubblici (parchi, bar,
sale giochi) il 42% sono internauti mentre il 38% dei
“bibliofili” che frequenta abitualmente le biblioteche usa
anche Internet.

In un contesto siffatto, però, qualche dato negativo emerge e
riguarda i rapporti con i familiari. La ricerca rileva che
l’adesione a Facebook o MySpace “allenta” le relazioni con le
persone più vicine.

“La gente in media incontra di persona amici e familiari stretti
210 giorni all'anno, li contatta con il cellulare 195 giorni e
con il telefono fisso 125 giorni, 72 giorni con l'e-mail e 55
con gli sms, 39 giorni via social network e solo 8 giorni
all'anno con lettere e cartoline”, conclude lo studio.