LA GUERRA DELLE APP

Meta all’attacco di TikTok, rivelata la “macchina del fango” contro il social cinese

La denuncia del Washington Post: ingaggiata dalla società madre di Facebook un’agenzia di pubblicità per screditare la piattaforma rivale. Obiettivo farla emergere come “un pericolo per i ragazzini americani”

01 Apr 2022

L. O.

social1

La “consegna” era far apparire TikTok come “una minaccia per gli adolescenti americani”. Attraverso la pubblicazione di editoriali e articoli sulle testate giornalistiche e pressioni sui politici per gettare discredito sulla piattaforma rivale al top della popolarità negli Usa. Lo rivela il Washington Post secondo cui Meta, la società madre di Facebook, Instagram e WhatsApp, avrebbe pagato Targeted Victory, un’agenzia di pubblicità e creazione contenuti, per gettare fango sul social di proprietà della cinese ByteDance.

Cosa rivela il Washington Post

Il Washington Post dichiara di aver ottenuto le email scambiate tra Targeted Victory e il colosso di Mark Zuckerberg. In una email riportata si legge che l’agenzia doveva “far passare il messaggio che mentre Meta si presenta come un ‘sacco da boxe’ mentre TikTok è la vera minaccia, soprattutto in quanto app di proprietà straniera n. 1 nella condivisione dei dati utilizzati dai giovani adolescenti“.

WHITEPAPER
Una guida per acquisire nuovi clienti con il digital onboarding
Marketing
Trade

Targeted Victory, interpellata dalla testata, ha rifiutato di rispondere dicendo solo che l’agenzia rappresenta Meta da diversi anni ed è “orgogliosa del lavoro svolto”.

Nelle e-mail scambiate, afferma il giornale, Targeted Victory ha esortato i suoi partner a diffondere articoli sui media locali che collegassero TikTok a tendenze pericolose. “Il sogno – avrebbe scritto un membro dello staff di Targeted Victory in un’e-mail vista dal Post – sarebbe quello di ottenere storie con titoli come ‘Dalle danze al pericolo: come TikTok è diventato lo spazio di social media più dannoso per i bambini’.

La guerra dei social

Le email, osserva il Washington Post, mostrano fino a che punto Meta si spinge per contrastare TikTok, la rivale multimiliardaria diventata una delle app più scaricate al mondo spesso superando anche le popolari Facebook e Instagram.

In una inchiesta pubblicata l’anno scorso grazie alle rivelazioni della ex dipendente di Facebook Frances Haugen – che hanno fatto discutere poiché erano trapelati i danni delle app Meta sugli adolescenti – era anche venuto fuori un dato non confortante per Zuckerberg: i ricercatori di Meta affermavano che gli adolescenti trascorrevano “2-3 volte più tempo” su TikTok rispetto a Instagram e che la popolarità di Facebook tra i giovani era crollata.

Il titolare dell’agenzia ha twittato che il rapporto del Post ha descritto erroneamente il loro lavoro e “i punti chiave sono semplicemente falsi”.

Un portavoce di Meta ha dichiarato che “tutte le piattaforme, incluso TikTok, dovrebbero mantenere un livello di controllo coerente con il proprio crescente successo”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4