Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA NOVITA'

Netflix “imita” Spotify e testa la riproduzione casuale

La funzione “shuffle” in prova per alcuni utenti Android che hanno scaricato la app. Ecco come funziona

26 Apr 2019

F. Me

Netflix testa un sistema di riproduzione casuale delle serie e dei film, una specie di tasto “shuffle” già presente sui servizi di streaming musicale, come Spotify. La funzione che va in aiuto agli utenti più pigri e indecisi è stata avvistata nella versione dell’app Netflix 7.6.0 su Android mentre non c’è ancora traccia su iOS di Apple.

Come spiega il sito AndroidPolice, chi è stato incluso nei test ha visualizzato l’opzione in due modi. Il primo è una colonna dedicata nella schermata principale dell’app, il secondo un tasto che appare quando un utente ha giù iniziato a vedere una serie tv o un programma.

Intanto Netflix affina le strategie per mantenere la leadership su un mercato  dove si stanno addensando i concorrenti: da Amazon Prime Video ad Apple Tv+ fino al servizio Disney+, Hulu e vari altri incluse aziende come l’italiana Chili. Per farlo, vuole emettere altre obbligazioni che finanzino la produzione. E annuncia che cercherà sul mercato altri due miliardi di dollari per raggiungere un picco di spesa nel corso 2019. La raccolta di finanziamenti è la seconda lanciata da Netflix in sette mesi: altri due miliardi di offerta obbligazionaria erano stati annunciati a ottobre.

La concorrenza più immediata per Netflix nel mercato americano è quella di Disney, con Disney+: il costo base del servizio di Netflix è di 12,99 dollari, contro i 6,99 al mese di Disney+.

Intanto, per mantenere il suo vantaggio sui cataloghi della concorrenza, l’azienda fondata dal Ceo Reed Hastings continua a spendere. Nel primo trimestre del 2019 ha riportato un cash flow netto in negativo per 380 milioni di dollari, in crescita rispetto ai 287 dello scorso anno. L’azienda si aspetta di finire il 2019 con un debito di 3,5 miliardi di dollari, superiore alle previsioni di tre miliardi fatte in precedenza.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

N
netflix
S
spotify

Articolo 1 di 2