Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Ok dalla Ue agli incentivi francesi per il download legale

Lo Stato finanzierà al 50% una “Carte musique jeune”, destinata ai residenti dai 12 ai 25 anni, per l’abbonamento a canali di distribuzione di musica online. Il commissario Ue, Almunia: “Vantaggi superiori alle eventuali distorsioni della concorrenza”

13 Ott 2010

La Commissione europea dà l'ok alla "carte musique"
con la quale il governo francese intende arginare il download
illegale di musica.

Riservata ai residenti tra i 12 e i 25 anni, la “carte musique”
ha un valore di 50 euro, ma costerà solo 25 euro a chi la
acquista, il resto sarà a carico dello Stato. La tessera potrà
essere usata per abbonarsi ad una serie di servizi selezionati e
ogni persona potrà comprare solo una tessera all’anno.

Secondo Bruxelles la misura è conforme alle norme Ue che
consentono la promozione di obiettivi di interesse generale. In
particolare, il dispositivo, della durata di due anni, è "ben
progettato per raggiungere il suo obiettivo, è limitato nel tempo
e nella portata e contiene misure di salvaguardia per limitare le
possibili distorsioni della concorrenza", precisando che 
"i vantaggi della misura superano le eventuali distorsioni
della concorrenza che da essa potrebbero derivare".

L’Unione europea spera che l’iniziativa venga adottata anche in
altri paesi membri. “La musica online è sicuramente un elemento
di successo di Internet e di sviluppo economico – ha commentato il
commissario Ue alla concorrenza Joaquin Almunia” -. E il
provvedimento francese, di portata limitata, offre anche
sufficienti garanzie sul rispetto delle regole sulla
concorrenza”.

Il governo francese ha stanziato 25 milioni euro nel progetto e
chiesto in cambio agli operatori di abbassare il costo degli
abbonamenti e di estenderne la durata, così da incentivare
ulteriormente i giovani a scaricare brani legalmente. Attualmente
infatti, l’operazione dovrebbe essere valida solo per i servizi
che offrono, dietro pagamento di canone mensile, il download
illimitato di brani.