Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Olimpiadi in streaming per 15 broadcaster

23 Lug 2012

Un miliardo di utenti seguiranno le Olimpiadi di Londra via smartphone e tablet. Per rispondere alla crescente domanda di servizi di video straming, Akamai Technologies, fornitore di servizi multimediali in cloud, supporterà 15 tra i maggiori broadcaster europei – tra cui Rtve in Spagna – in occasione dei trentesimi Giochi Olimpici. Attraverso l’Akamai Intelligent Platform, la piattaforma che gestisce fino al 30% del traffico web globale, Akamai fornirà fruizione live e ondemand delle numerose sessioni di gara previste.

Il web sarà il protagonista delle prossime Olimpiadi: secondo un’indagine eMarketer, oltre un miliardo di spettatori si prepara a seguire i Giochi su dispositivi digitali – pc, smartphone e tablet – un dato in linea con la progressiva migrazione di contenuti video su piattaforme online e il conseguente boom delle web tv. Ancor più forte sarà l’impatto dei social network, su cui miliardi di utenti animeranno il dibattito olimpico, commentando le gare e aggiornandosi sul medagliere in tempo reale.

Per Akamai, non si tratta della prima esperienza a supporto della trasmissione online di grandi eventi sportivi: in passato, ad esempio, l’azienda aveva seguito le Olimpiadi di Pechino, quelle di Vancouver e la Coppa del Mondo Fifa in Sudafrica.

Spiega Stuart Cleary, Emea Media Product Director, Akamai, “L’evoluzione dei dispositivi presenta numerose opportunità per i broadcaster, ma comporta anche nuove sfide: gli utenti odierni si aspettano di poter accedere ai Giochi in ogni momento e ricercano un’esperienza di alta qualità, indipendentemente dal dispositivo che utilizzano. Da oltre un anno, Akamai lavora a stretto contatto con i broadcaster per permettere loro di erogare un servizio ineccepibile sotto tutti i punti di vista: hardware, software, sicurezza e trasmissione multi-device”.

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link