Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Parla italiano l’anti-Facebook che si “affida” al caso

Lanciato da Sergio Babesta, Griddix è il primo social game basato sul concetto opposto a quello della piattaforma di Zuckerberg: l’interazione puramente casuale

21 Dic 2010

Sfidare Facebook. Un’impresa titanica che prova ad intraprendere
Sergio Babesta, ingegnere milanese con una lunga esperienza nel
settore Ict, con il lancio di Griddix, la nuova piattaforma
social.  Il concetto alla base dell'iniziativa è
diametralmente opposto a quello di Facebook. Con Griddix
(www.griddix.com) finisce l’era della “raccomandazione” per
conoscenza: le persone possono incontrarsi anche senza avere alcun
legame in comune, esattamente come accade nella realtà.

Mentre Facebook è nato, in origine, in ambito universitario per
mettere in contatto, persone, studenti, compagni di scuola, che
appartenevano in qualche modo allo stesso passato, Griddix nasce
invece, come progetto internazionale per mettere in contatto
persone, da ogni parte del mondo, che non si conoscono e che
probabilmente mai si sarebbero conosciute tramite social network,
che potremmo definire classici.

Come ci riesce Griddix? Tramite un meccanismo casuale, basato solo
sul tempo di registrazione al sistema, gli utenti prenderanno posto
nell'universo di Griddix, concentrandosi tutti intorno al primo
utente iscritto in maniera che siano uno adiacente all'altro. A
questo punto tutte le relazioni tra gli utenti avvengono solo in
base all'adiacenza delle celle, ogni iscritto potrà comunicare
solo con gli 8 utenti a lui immediatamente prossimi.

L'interazione con gli altri iscritti, non immediatamente
adiacenti, può avvenire attraverso un semplice meccanismo di
scambio di posizione tra utenti dello stesso sesso all'interno
dell'universo di Griddix.

Attraverso questo nuovo modo di relazionarsi del panorama digitale,
il modo d'incontrarsi ricalca alla perfezione la casualità e
l'imprevedibilità della vita reale; infatti Griddix è
concepito come sistema caotico, in cui non è possibile fare
previsioni in anticipo sull'evoluzione del social game.

La sfida di Sergio Barbesta costringe dunque a riconsiderare i
social network da un altro punto di vista; Griddix diventa un nuovo
strumento per interagire con tutti gli utenti maggiorenni di
Internet che desiderino mettersi in gioco puntando sul caso come
elemento di aggregazione.