Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Road map in Toscana per gestire il passaggio al Dtt

La proposta lanciata dal presidente della commissione cultura del Consiglio regionale Nicola Danti (Pd), nel corso di un’audizione con emittenti, operatori ed enti locali

30 Set 2010

Una 'Road Map' per gestire al meglio il passaggio al
digitale terrestre, previsto per il 2012, in Toscana. E' quanto
annunciato oggi, informa una nota, dal presidente della commissione
cultura del Consiglio regionale Nicola Danti (Pd), nel corso di
un'audizione con emittenti, operatori ed enti locali.

''Mantenere un tessuto di operatori della comunicazione
vivo sul nostro territorio e' fondamentale per garantire il
pluralismo dell'informazione – ha detto Danti -, ci sono una
serie di aspetti sia istituzionali che tecnici che vanno gestiti
con attenzione: informazione ai cittadini, sostegno alle emittenti,
regolamentazione dei siti di trasmissione, formazione degli
antennisti e degli operatori''. Per Danti ''il
passaggio al digitale e' strategico e va colto come
un'opportunita' per migliorare il sistema televisivo, sia
dal punto di vista quantitativo che qualitativo''.

La commissione presentera' una risoluzione in Consiglio
contenente un'ipotesi di 'Road Map', con le principali
tappe per arrivare al momento del passaggio tecnologico. Nel corso
dell'audizione Vincenzo Caciulli del Corecom, ha ricordato le
principali problematiche, che riguardano da un lato gli utenti,
dall'altro gli operatori.

Per agevolare il passaggio per gli utenti, ha spiegato Caciulli,
oltre alle campagne informative sono possibili accordi con le
associazioni degli antennisti, con la grande distribuzione e col
mondo del volontariato, per assistere soprattutto la popolazione
piu' anziana nelle operazioni di settaggio. Sul fronte degli
operatori, la questione piu' delicata, e' stato
sottolineato, riguarda la necessita' di investire per adeguare
impianti e produzione, e quindi la possibilita' che la Regione
preveda misure di sostegno per le emittenti.