Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Schermi, effetto Avatar: digitali un quarto delle sale

In Italia 900 le sale attrezzate. Il 3D fa da traino e con il satellite eventi live

21 Giu 2010

Entro la fine di quest’anno saranno circa 900 le sale
cinematografiche, sulle oltre 4.000, che in Italia verranno
digitalizzate per l’effetto traino del 3D. Il dato è emerso nel
corso di All Digital, una fiera dedicata al
settore. La digitalizzazione della filiera cinematografica come è
emerso da una ricerca del Cattid, il laboratorio multimediale
università di Roma La Sapienza, sta ormai andando in parallelo con
un analogo processo che sta interessando fotografia, musica,
televisione e stampa accompagnando il cambiamento delle modalità
di consumo e dei modelli di business.

Cresce anche la digitalizzazione della produzione, mentre quella
della post-produzione è già avvenuta. La distribuzione è nelle
“terre di mezzo” tra analogico e digitale. Negli ultimi tempi
si sta però accelerando anche il passaggio al digitale delle sale.
I vantaggi della transizione sono rappresentati da maggiori
economie di scala e di piattaforma, miglioramenti sulla struttura e
sul livello dei costi, benefici per l’industria e il
consumatore.

Anche il satellite ha un ruolo importante, consentendo di
arricchire l’offerta delle sale di città e di prossimità.
Grazie alla tecnologia satellitare, potranno essere ottimizzati i
costi della logistica offrendo anche la possibilità di trasmettere
gli eventi live in tutto il territorio. Una soluzione che potrebbe
rivitalizzare gli esercizi cinematografici sia di città che di
periferia.

Ad esempio, in Francia, per la prima volta un evento sportivo è
stato trasmesso nelle sale dal vivo e in 3D, consentendo agli
spettatori di vivere l’emozione del Sei Nazioni di rugby (Francia
– Inghilterra) come se fossero lungo il bordo campo dello Stade
de France.

“Anche se i giochi si sono svolti in Francia, il segnale è
passato per l’Italia, un nostro centro di controllo ha monitorato
il funzionamento del segnale trasmesso via satellite Atlantic Bird
3 – spiega Walter Munarini di Open Sky -. Nei
cinema 3D è stata trasmessa dal vivo la finale di Coppa Italia
Roma-Inter e siamo tuttora impegnati nella trasmissione 3D ai
cinema di alcune partite dei Mondiali del Sudafrica. In Italia
siamo coinvolti nell’installazione di impianti di ricezione
satellitare in decine di cinema digitali, un’operazione che trova
il supporto di Eutelsat, in collaborazione con il Ministero dei
Beni e delle Attività Culturali, nell’ambito del innovativo
progetto pilota 100 sale in rete, iniziativa che promuove la
diffusione ai cinema di contenuti digitali via satellite”.