Sky-Bskyb, disco verde dalla Ue: nasce la pay tv europea

La Commissione europea ha autorizzato la proposta di acquisizione di Sky Italia e Deutschland da parte di Sky Broadcasting Group. Per l’emittente “tesoretto” di 20 milioni di abbonati

Pubblicato il 12 Set 2014

F.Me.

murdoch-140512113342

La Commissione europea ha autorizzato la proposta di acquisizione di Sky Italia e Sky Deutschland da parte di Sky Broadcasting Group (BSkyB) del Regno Unito. Sky Deutschland e Sky Italia sono attualmente proprietà di 21st Century Fox degli Stati Uniti.

Gli uffici della direzione Concorrenza della Commissione hanno concluso che ”l’operazione proposta non desta preoccupazioni sotto il profilo della concorrenza dal momento che le attività delle tre imprese sono complementari dal punto di vista geografico” e ”non determinerebbe alcuna sovrapposizione materiale delle attività delle parti, dal momento che le imprese sono attive principalmente in mercati nazionali diversi”.

Nessun problema anche relativamente al maggiore potere d’acquisto nei confronti dei titolari dei diritti per l’acquisizione dei diritti relativi a contenuti audiovisivi “premium”. Secondo l’Antitrust Ue, infatti, è improbabile che la società nata dalla concentrazione possa imporre modifiche alle attuali pratiche di concessione di licenze, incentrate su territori nazionali o aree linguistiche per motivi di ordine pratico, come i tempi diversi delle trattative relative ad alcuni diritti di licenza. E anche i titolari dei diritti non si discosterebbero dal loro attuale modello di licenze, a meno che ciò non fosse nel loro interesse in termini di ottimizzazione delle entrate.

Con l’acquisizione, nascerà un “gigante europeo” della pay tv e secondo le prime stime, avrà 20 milioni di abbonati. L’acquisizione era stata già annunciata il 25 luglio: l’operazione costerà circa 9 milioni di dollari.

Per BSkyB, controllata dalla 21st Century Fox di Rupert Murdoch attraverso Fox, si tratta della più importante manovra in 25 anni della sua storia e verrà finanziata in contanti, obbligazioni e un collocamento di azioni pari al 10% del suo capitale attuale.

Più precisamente la Pay tv britannica sborserà 2,45 miliardi di sterline (circa 3 miliardi di euro) per il 100% di Sky Italia e 2,9 miliardi di sterline (circa 3,7 mld di euro) per il 57% di Sky Deutschland in mano alla Fox.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!