Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Social network, un terzo delle aziende lo usa per il business

Un’indagine dello Iulm rende noto che il 32% delle imprese nazionali compresa la pubblica amministrazione fa uso delle reti sociali e dei blog per promuovere le attività. Ma la svolta è dietro l’angolo: il 73% si sta organizzando

14 Gen 2011

Un terzo delle aziende italiane, compresa la pubblica
amminstrazione, usa almeno un social media per attività di
comunicazione e marketing. Per quanto riguarda i singoli settori,
si va dal 14% circa delle aziende del settore elettronico e quasi
il 54% delle banche esaminate. 

Questo il dato che emerge da una ricerca svolta tra maggio e
novembre del 2010 su un campione di 720 aziende distribuite su
tutto il territorio nazionale dall'università Iulm di Milano.
Ma le previsioni per il futuro sono positive, visto che il 73%
delle imprese intende rafforzare l'uso dei social network. In
cima alla classifica dei social network più appetibili troviamo
Facebook – il 20,1% delle aziende vorebbero usarlo – mentre il
14,2% delle imprese intende usare i blog.

L'indagine ha preso in considerazione sei settori: moda,
alimentare, sanitario, pubblica amministrazione , banche e
elettronico. Per ciascun settore sono state analizzate 120 aziende
ulteriormente segmentate per dimensioni ( 40 'grandi', 40
'medie' e 40 'piccole'). L'attribuzione
dimensionale, rende noto lo Iulm, è stata effettuata in relazione
ai dati di fatturato con classi differenziate in relazione allo
specifico di ciascun settore analizzato.

"Attraverso la valutazione di tre dimensioni – dice Guido Di
Freia, responsabile scientifico Master Social Media Marketing dello
Iulm e relatore della ricerca – è stato possibile valutare
l'uso più o meno strategico dei social media da parte
dell'azienda. Le tre dimensioni prese in considerazione sono:
orientamento 2.0, gestione e efficacia delle azioni adottate. La
misura di queste 3 dimensioni ci ha permesso di ricostruire quello
che abbiamo definito l'indice di SocialMediAbility
dell'azienda stessa". Di Freia aggiunge che
"l'indice di SocialMediAbility permette di ricostruire il
livello di sviluppo delle attività di social media marketing messe
in atto dalla singola azienda e confrontarla con quella di altre
aziende del settore".

Dallo studio emerge che meno di 10% delle aziende piccole fa uso di
social media, circa il 35% di quelle medie ha attivato almeno un
canale di comunicazione di questo tipo mentre 58% delle aziende di
grandi dimensioni sono attive dal punto di vista dei social media.
Stando ai dati della ricerca tra le aziende che ha attivato almeno
un social media solo il 17% ha un link sul proprio sito che
riconduce al social media.

La classifica per settori vede al primo posto la pubblica
amministrazione. Il 99% degli enti monitorati ha un sito internet
ma solo il 37% fa uso di social media e il 25% ha un link dei
social media sul proprio sito. Il 90% delle aziende del settore
alimentare ha un sito internet, il 31% usa i social media e il 29%
ha link riconducibili ai social network sul sito aziendale.
Percentuali alte anche per il settore bancario, l'89% delle
aziende prese in considerazione hanno un sito internet. Il 54% usa
i social media e il 13% ha sul proprio sito almeno un link dei
social network. Per l'elettronica e la sanità le percentuali
sono più basse.

Il 96% delle aziende nel campo dell'elettronica ha un sito, il
14% fa uso di almeno un social media e l'1% ha sul sito link
dei social media mentre nella sanita' il 57% delle aziende ha
un sito internet e il 22% utilizza i social media. Il 12% ha un
link dei social media sul sito aziendale.

Alla domanda "Conosce come i social media (Facebook, YouTube,
Twitter, etc.) possono essere utilizzati per la comunicazione
aziendale?" il 50% delle aziende hanno risposto "si molto
bene", il 32% "si, abbastanza bene", il 14%
"si, ma un po' approssimativamente", l'1%
"si, solo per sentito dire" mentre il 3% ha risposto no.
Le motivazioni che spingono l'azienda a non usare i social
media come strumenti di marketing sono: scarsa conoscenza delle
opportunita' strategiche offerte dal web 2.0 nel caso del 58%,
scarsa conoscenza di come utilizzare concretamente i canali del web
2.0 nel caso del 46%,mancata accettazione interna dei nuovi canali
social per il 41% e timore di "perdere il controllo"
della comunicazione per il 23,2%.

Il 70%, delle aziende usano i social media per aumentare la
visibilità sul web dei prodotti e servizi, il 68% per creare
community di clienti e fan, il 46% per aumentare il numero di
clienti e il 35% per valutare la soddisfazione dei clienti . Il 76%
ha ottenuto dall'utilizzo dei social media maggiore
visibilita' dei propri prodotti e servizi mentre il 54% ha
ottenuto maggiore traffico sul sito dell'azienda. Il 2,3%
ritiene di non aver ottenuto alcun beneficio.

Per il futuro, il 20,1% delle aziende pensa di rafforzare la
propria presenza su Facebook, il 16,3% su Twitter, il16,3% su You
Tube, il 14,2% sui blog e il 4,2 sui forum. Il 73% ritiene che nel
futuro, all'interno dell'azienda, dovrebbero essere
rafforzate le competenze sull'efficacia delle attivita' di
social media marketing e il 54% le competenze sull'uso
strategico dei social media per la comunicazione aziendale. Il 29%
pensa che si dovrebbe rafforzare la conoscenza di base sull'uso
dei social media nella comunicazione aziendale.