Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Social network, vincono i russi. Gli italiani sono ultimi

La rete sociale è un passatempo importante non soltanto per i paesi maturi ma anche per quelli in via di sviluppo

03 Lug 2009

Il 65% degli 1,1 miliardi di persone sopra i 15 anni che usano
Internet nel mondo, pari a 734,2 milioni di persone, visitano
almeno un sito di social networking al mese. Il dato, aggiornato a
fine maggio, è stato presentato dalla società di ricerca
comScore.

Nella Top 20 dei grandi fruitori di social network l’Italia si
aggiudica solo l’ultimo posto. Gli italiani, infatti, trascorrono
in media sui siti di condivisione 3,2 ore al mese e visitano 399
pagine. Al polo opposto in testa alla classifica i russi, che
passano sulla rete sociale il doppo delle ore rispetto, 6,6 per
1307 pagine viste.

In tutto, dice la ricerca, nel mese di maggio 18,9 milioni di
utenti hanno navigato nelle reti sociali in media per 6,7 ore,
cliccando su oltre 1.300 pagine. La media mondiale si ferma a 3,7
ore e 525 pagine. Alle spalle della Russia si piazzano il Brasile,
con 6,3 ore e 1.220 pagine, e il Canada con 5,6 ore e 649 pagine.
In Europa gli utenti più accaniti sono gli spagnoli, quinti con
5,3 ore 968 pagine, seguiti da finlandesi, inglesi e tedeschi.
Bassi in classifica anche gli Stati Uniti, al non posto con 4,2 ore
e 477 pagine.
"Il social networking è diventato un passatempo popolare
online non solo per i mercati maturi come il Nord America, ma anche
per quelli in via di sviluppo e ad alto tasso di crescita come la
Russia", ha spiegato Mike Read, amministratore delegato di
comScore Europa. "In un paese geograficamente grande come la
Russia, la rete sociale rappresenta un modo di mettere in contatto
le persone da un angolo all’altro del Paese. Il comportamento
della Russia nella rete sociale offre significative opportunità di
marketing e gli inserzionisti cercano di catturare questo
pubblico” ha concluso.