Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

TI Media riduce il rosso a 16,6 milioni di euro

In aumento del 2,5% i ricavi

05 Mag 2009

Un primo trimestre all'insegna dell'ottimismo per TI Media.
Nel primo trimestre 2009 l'azienda ha registrato ricavi per
48,5 milioni (+2,5% rispetto al primo trimestre '08).
L'ebitda è stato negativo per 3,8 milioni (+71,6%). La
società ha accusato un rosso di 16,6 milioni   afronte dei -29
dello stesso periodo dello scorso anno. A peggiorare anche
l'indebitamento finanziario a 322,5 milioni da 286,8 milioni di
fine 2008. "Ottimo il risultato di La7 – afferma una nota del
gruppo – che chiude il primo trimestre con una raccolta
pubblicitaria pari a quella dello scorso anno".

"L'indebitamento è peggiorato per far fronte agli
investimenti industriali del periodo (pari a 13,7 milioni), al
fabbisogno della gestione operativa (18,3 milioni) e ad altri
esborsi (3,7 milioni)- specifica la nota -. Il significativo
miglioramento del primo trimestre dovuto a circostanze
congiunturali, sarà difficilmente ottenibile nei prossimi
trimestri, tenuto conto delle esigenze di rinnovamento di La7 e
delle azioni in corso in Mtv Italia".

I ricavi di La7 hanno registrato un incremento di 2,2 milioni
attestandosi a 25,6 milioni. Il buon andamento della tv è stato
reso possibile grazie al nuovo contratto con Cairo. La7, inoltre,
ha attuato alcune azioni volte a migliorare la redditività, in
particolare rivedendo i costi di palinsesto con una riduzione di
7,9 milioni. Parte di questo miglioramento (4 milioni) sarà
tuttavia riassorbito nel corso dell'esercizio. Nel primo
trimestre La7 ha avuto uno share medio giornaliero del 2,9%.

I ricavi di Mtv, invece, sono stati pari a 18,8 milioni, in calo di
1,9 milioni, risentendo della minore raccolta pubblicitaria (pari a
10,8 milioni di euro, in calo di 3,1 milioni), parzialmente
compensata dalle azioni di contenimento dei costi. L'ebitda
della tv è stato negativo per 0,2 milioni. I ricavi
dell'operatore di rete sono stati pari a 9,6 milioni (-2
milioni), a causa del minor fatturato attribuibile all'affitto
di Banda Pay-per-View, attività ceduta nel 2008. L'ebitda
della divisione è stato di 2,3 milioni in calo di 2,1 milioni di
euro.