Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

TI Media riduce le perdite ma calano anche i ricavi

I primi sei mesi 2011 registrano un rosso di 16,3 milioni di euro rispetto ai 22,3 milioni dell’anno scorso. Il fatturato scende a 118,2 milioni a fronte dei 126,6 milioni dello stesso periodo del 2010

27 Lug 2011

Nel primo semestre dell'anno Telecom Italia Media ha registrato
una perdita di 16,3 milioni di euro, in calo rispetto ai 22,3
milioni dello stesso periodo del 2010. In diminuzione però anche i
ricavi: da 126,6 milioni del primo semestre 2010 a 118,2 milioni,
nonostante nel primo semestre 2011 si confermi l'importante
crescita della raccolta pubblicitaria (+34,6%) della controllata
La7, che ha raggiunto una "audience share" media del
3,65% (+29,4% rispetto al primo semestre 2010).

La diminuzione dei ricavi di Ti Media è dovuta "alla
riduzione dei ricavi dell'operatore di rete dovuti alla
cessazione delle attività di Dahlia TV – si legge in una nota del
gruppo – e alla flessione dei ricavi del Gruppo Mtv, pari a 35,6
milioni di euro, riducendosi del 21,9% rispetto ai 45,6 milioni del
primo semestre 2010".

Il risultato è stato in parte compensato dalla crescita dei ricavi
pubblicitari de La7 (+10,4 milioni di euro) e La7d (+2,1 milioni di
euro) anche grazie alla capacità della concessionaria (Cairo, ndr)
di tradurre gli ottimi risultati di audience share di La7 in
maggiore raccolta pubblicitaria".

Il margine operativo lordo nel primo semestre 2011 è positivo per
9 milioni di euro e migliora di 0,5 milioni di euro (8,5 milioni di
euro nel primo semestre 2010) mentre il risultato prima degli oneri
finanziari (Ebit), a valle degli ammortamenti del periodo, è
negativo per 20,2 milioni di euro contro i 21,1 milioni del primo
semestre 2010.

La riduzione delle perdite deriva da "positivi effetti della
gestione operativa e dalla riduzione degli oneri finanziari in
seguito alla ricapitalizzazione della società e alle attività
extra operative", spiega Ti Media.

L'indebitamento finanziario netto è pari a 144,6 milioni di
euro, di poco inferiore rispetto al primo trimestre (146,1 milioni
di euro) e si incrementa, in linea con le previsioni, di 29,1
milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2010, quando era di 115,5
milioni di euro.

"Tenuto conto dell'attuale contesto economico e
regolatorio in cui Telecom Italia Media si trova ad operare –
aggiunge la società – nel corso del 2011 si prevede di proseguire
sulle linee guida del piano industriale" e "si attende
nel 2011 di consolidare il risultato positivo del margine operativo
lordo del primo semestre, raggiungendo una redditività
sostanzialmente allineata ai risultati del 2010". Prevista
anche "una crescita dell'indebitamento finanziario netto
in relazione ai fabbisogni previsti per il secondo
semestre".

Le negoziazioni con Viacom per Mtv "stanno stringendo" ma
non "siamo ancora in fase conclusiva. Siamo ancora in una
situazione di indeterminatezza". Lo ha detto
l'amministratore delegato di Telecom Italia Media, Giovanni
Stella, nel corso di una conference call in seguito alla
presentazione dei risultati del primo semestre del gruppo. "La
controparte – sottolinea Stella – mi telefonerà in questa
settimana per un incontro che dobbiamo fare da qualche parte. Non
so se l'incontro sarà interlocutorio o decisivo. Non credo
decisivo perchè la negoziazione è ancora in corso".