Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Un italiano alla corte di Bill Gates

Marco Parenzan, docente di Pordenone, è stato convocato da Microsoft per esporre il suo progetto al “Cloud Futures 2010”

31 Mar 2010

Bill Gates lo ha chiamato ad esporre le sue idee sull’informatica
del futuro. Lui è Marco Parenzan, 36 anni originario di Fiume
Veneto (Pordenone), uno dei pochissimi che riceverà un simile
onore. L’occasione è il “Cloud Futures 2010, l'evento che
si terrà a Redmond l'8 e 9 aprile, presso la sede della
Microsoft. In quel contesto Parenzan, sarà uno dei 30 relatori
scelti fra tutte le università del mondo che illustreranno il
proprio progetto.

Il giovane docente a contratto dell'Università di Trieste e
collaboratore del laboratorio Mose, ha attirato l'attenzione
della Microsoft con un progetto realizzato insieme al Maurizio
Fermeglia, docente di Ingegneria Chimica all'Università di
Trieste. Il lavoro proposto unisce il cloud computing alla
semplificazione dei linguaggi informatici, in modo da renderli più
accessibili ai ricercatori delle varie branchie del sapere che
però non sono programmatori.

"E' motivo di orgoglio sapere che un giovane pordenonese
ci rappresenta nel mondo con idee innovative e interessanti -ha
affermato l'assessore provinciale all'Innovazione Giuseppe
Pedicini in occasione dell'incontro con Parenzan-, la
tecnologia e l'innovazione sono la chiave della ripresa
economica e, oggi, questo incontro è una ulteriore conferma del
fatto che la provincia, puntando su progetti innovativi, e'
sulla strada giusta. Il pordenonese è un territorio ricco di
talenti, le menti geniali non sono mai mancate. Per questo bisogna
rendere più stretto il legame con l'università avviare dei
corsi specializzati e creare le condizioni perchè i talenti
possano trovare a casa loro un luogo di lavoro e di
profitto".