Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Yahoo! in vendita, passo avanti di Microsoft

Firmato un accordo di non disclosure che permetterà l’accesso ai libri contabili del motore di ricerca

25 Nov 2011

Microsoft muove un ulteriore passo in avanti verso una possibile
acquisizione di Yahoo, anche se si tratterebbe di un intervento
indiretto e per comprare una partecipazione di minoranza. Ma che
non si tratti ormai solo di un interessamento teorico è dimostrato
dal fatto che il colosso americano del software ha firmato un
accordo di non disclosure con la Internet company che le permette
di analizzare in dettaglio la situazione finanziaria di Yahoo in
vista di una eventuale offerta, secondo quanto riporta l’agenzia
Bloomberg.

I consulenti di Yahoo hanno chiesto che le offerte per la compagnia
siano presentate la prossima settimana e esigono anche che gli
interessati firmino con la Internet company accordi di non
disclosure che permettono l’accesso ai dati finanziari
confidenziali di Yahoo. Secondo le fonti di Bloomberg, i candidati
probabilmente presenteranno offerte solo per una quota di minoranza
e non per un takeover totale, per il quale è necessario uno sforzo
finanziario maggiore. Microsoft potrebbe aiutare a finanziare
un’offerta ma non intenderebbe comprare direttamente Yahoo.

Anche le società del private equity Tpg Capital e Silver Lake
hanno firmato accordi di non disclosure per contribuire a mettere
insieme un’offerta per Yahoo. Microsoft si affiancherebbe ad
altri investitori per salvaguardare la propria alleanza nella
ricerca Internet con Yahoo. Come noto, infatti, Microsoft ha
stretto un accordo valido dieci anni per fornire la tecnologia di
ricerca ai siti di Yahoo e unire le forze contro il concorrente
numero uno nella search e pubblicità online, Google.

Tra gli interessati ad acquisire Yahoo c’è anche il gruppo
Alibaba, la maggiore azienda cinese dell’e-commerce, desiderosa
di riprendersi le sue azioni in mano a Yahoo, ben il 40%, una fetta
che fa della Internet company americana il maggior investitore di
Alibaba.