Google investe 10 miliardi di dollari per l'espansione negli Usa - CorCom

LA STRATEGIA

Google investe 10 miliardi di dollari per l’espansione negli Usa

Undici gli Stati interessati dal Piano 2020: al via la realizzazione di nuovi data center e l’apertura di numerosi uffici. Si prevede la creazione di migliaia di posti di lavoro

27 Feb 2020

Antonio Dini

Google ha presentato un piano di investimenti da 10 miliardi di dollari per realizzare uffici e centri di calcolo negli Usa entro la fine di quest’anno. È un progetto che toccherà soprattutto 11 stati americani, inclusi il Massachusetts, New York e l’Ohio.

Questi investimenti, dice Google, creeranno migliaia di posti di lavoro, inclusi quelli interni a Google stessa, ma anche posti di lavoro per la realizzazione dei data center e delle strutture per la produzione di energia rinnovabili, e nuove opportunità nelle attività commerciali locali delle città attorno alle nuove strutture.

È stato il Ceo di Alphabet, Sundar Pichai, ad annunciare il piano con un post sul blog ufficiale dell’azienda. L’anno scorso Alphabet aveva dichiarato che nel corso del 2019 avrebbe speso circa 13 miliardi di dollari per uffici e centri di calcolo sempre negli Usa. Sommata alle altre spese di ricerca e sviluppo fatte da Google, secondo il Progressive Policy Institute l’anno scorso l’azienda è risultata il più grande investitore negli Usa. I costi e le spese del gigante della tecnologia sono cresciuti del 19% arrivando a toccare quota 36,81 miliardi di dollari, secondo gli ultimi documenti presentati alla Sec.

Nel piano annunciato da Sundar Pichai, gli investimenti sono, come detto, focalizzati in 11 stati: Colorado, Georgia, Massachusetts, Nebraska, New York, Oklahoma, Ohio, Pennsylvania, Texas, Washington e California.

Google pensa di ampliare molte delle sue attività già presenti in questi stati, con particolare attenzione all’espansione dei datacenter dello Iowa e all’apertura di un nuovo datacenter in Ohio. Altri investimenti per datacenter sono previsti in Nebraska e in Oklahoma. Ma la lista dei nuovi campus, dei nuovi uffici, e dell’apertura dei nuovi centri di ricerca è molto lunga. Ad esempio, l’azienda vuole ampliare la sua squadra di ingegneri ad Atlanta, e raddoppiare la sua presenza in Colorado, oltre ad aprire un nuovo campus a New York City, a Hudson Square, dove raddoppierà i dipendenti entro il 2028.

Nel corso del 2019 Google aveva già aperto un ufficio della divisione Google Cloud a Chicago, ampliato i suoi uffici a Madison nel Wisconsin. Ma l’azienda nel corso del 2019 aveva anche pianificato ad esempio l’apertura di un nuovo, gigantesco campus a San Jose, nel cuore della Silicon Valley e vicino al quartier generale di Mountain View.

Google inoltre sta continuando a portare avanti l’investimento da un miliardo di dollari destinato alla Bay Area, dove è previsto che l’azienda finanzi la costruzione di edifici abitativi per i suoi dipendenti. Dopo sei mesi, l’azienda ha già fatto creare 380 unità abitative con prezzi calmierati e con caratteristiche inclusive per permettere l’utilizzo da parte di adulti con disabilità. Altre arriveranno nel 2020, ha dichiarato Pichai.

@RIPRODUZIONE RISERVATA