Google rivoluziona le news, guanto di sfida a Facebook & Co. - CorCom

MOBILE

Google rivoluziona le news, guanto di sfida a Facebook & Co.

Obiettivo spodestare il primato delle app dei social. Verranno offerti in automatico articoli, video e altri contenuti selezionati in base ai gusti e alla ricerche degli utenti

19 Lug 2017

Google lancia il guanto di sfida a Facebook & Co. sul suo terreno, quello dei flussi di news ritagliate “su misura”. Il nuovo servizio apparirà sulla app “Google” per dispositivi mobili che girano su Android o iOs e fornirà articoli, video e altri contenuti selezionati in base alle enormi masse di dati provenienti dalla cronologia delle ricerche effettuate e degli argomenti prevalentemente cercati. A differenza del criterio con cui Facebook e gli altri social selezionano news e post – le connessioni con amici e amici di amici – Google farà perno sui profili degli utenti elaborati grazie al search. Addirittura “anticipando” desideri e ricerche.

La posta in gioco è contendere utenti alle app mobili dei social rendendo la app “Google” una tappa obbligata per chi naviga su smartphone.

Il flusso di notizie inizialmente sarà disponibile solo tramite app mobile per poi sbarcare anche su desktop, annuncia Ben Gomes vp Engineering. Il flusso è concepito per offrire notizie e informazioni attinenti agli interessi dell’utente, in base alle ricerche effettuate, addirittura anticipando quello che “potrebbe” essere cercato. Qualcosa di simile a quanto sperimentato da Yahoo nei primi temp della gestione cui Marissa Mayer.

“Il tentativo non è nuovo” annota infatti Greg Sterling, analista specializzato in motori di ricerca. Si tratta per Google di spostare il focus sui device mobili in un momento in cui sta cambiando la modalità di ricerca da parte degli utenti. “Il nuovo flusso sarà davvero costruito sugli interessi dell’utente – dice Gomes – e non su quello che interessa agli amici o agli amici degli amici, come invece accade con le altre news feed”.

Gli executive di Google dicono che verranno utilizzare le stesse tecniche usate dalla compagnia per prevenire la creazione di “bolla da filtro”, ovvero il rischio che le persone si trovino davanti solo informazioni “omogenee”, che rafforzano la propria visione del mondo. Il nuovo servizio è un’estensione di Google Now, progettato per anticipare la necessità dell’utente di avere informazioni.

Argomenti trattati

Approfondimenti

A
app
G
google
S
social