La nuova sfida di Facebook: catalogare i video grazie all’Intelligenza artificiale - CorCom

LA SPERIMENTAZIONE

La nuova sfida di Facebook: catalogare i video grazie all’Intelligenza artificiale

Il nome del progetto è “learning from videos”, e ha l’obiettivo di migliorare i sistemi di apprendimento per dare vita a nuove applicazioni e creare consigli di visualizzazione più precisi per gli iscritti

15 Mar 2021

A. S.

Utilizzare l’intelligenza artificiale per monitorare e catalogare al meglio i contenuti video presenti su Facebook, per migliorare i sistemi di apprendimento, dare vita a nuove applicazioni, monitorare con più attenzione i contenuti e offrire consigli di visualizzazione più puntuali per gli utenti. E’ l’obiettivo di “Learning from video”, il nuovo progetto di Facebook mirato a utilizzare l’AI per comprendere i contenuti dei video.

“Imparando da flussi globali di video disponibili pubblicamente, per centinaia di lingue, i nostri sistemi di Intelligenza artificiale non solo miglioreranno la precisione, ma si adatteranno anche ad un mondo in rapida evoluzione, per riconoscere le sfumature e gli indizi visivi di diverse culture e regioni – si legge in un post sul blog aziendale di Facebook – Aiutando i ricercatori di Intelligenza artificiale a liberarsi dalla dipendenza dai dati etichettati, possiamo creare esperienze completamente nuove”.

Tra i primi servizi che potranno avvalersi di questo progetto l’azienda ha selezionato Reels, il social creato da Menlo Park seguendo l’esempio di TikTok: grazie a Learning from video l’app migliorerà i consigli per gli utenti, con lo scopo di coinvolgerli di più nelle attività che risulteranno più interessanti a seconda dei profili degli iscritti.

Il sistema di intelligenza artificiale sperimentato da Facebook sarà in grado di analizzare non soltanto le immagini, ma anche gli input audio e testuali. Quello che al momento il social fondato da Mark Zuckerberg non ha ancora precisato è se questo sistema verrà prima o poi usato anche per il targeting degli annunci pubblicitari.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4