Privacy, Android-spia: utenti tracciati anche a Gps spento - CorCom

DATI

Privacy, Android-spia: utenti tracciati anche a Gps spento

I dati delle torri cellulari sono stati raccolti per rendere il cliente sempre rintracciabile, fin da gennaio scorso, su tutti i device col sistema operativo di Google. Ma Mountain View assicura: le informazioni non sono state usati e la registrazione sarà disattivata

22 Nov 2017

I cellulari Android catturano i dati sul nostro posizionamento e li mandano a Google, anche se i servizi di localizzazione (che ci permettono di utilizzare applicazioni come le Google Maps o Uber) sono spenti, non utilizziamo delle app e non abbiamo nemmeno la Sim card inserita. L’allarme arriva dal sito Quartz, che ha condotto un’indagine autonoma e scoperto che Google è in grado di localizzare l’utente di uno smartphone con sistema operativo Android anche se il Gps è spento grazie a una triangolazione dei dati delle torri cellulari che servono in quel momento uno specifico device.

Quartz ha poi contattato Google e l’azienda ha confermato che, dallo scorso gennaio, smartphone e tablet Android hanno raccolto (senza possibilità per l’utente di disattivare questa opzione) gli indirizzi delle torri mobili nelle vicinanze e mandato i relativi dati, crittografati, al sistema di gestione messaggi e notifiche push di Google nel momento in cui si connettono a Internet.

Sul sito The Verge un portavoce di Google ha spiegato che tutti i moderni telefonini usano un sistema di sincronizzazione che ha bisogno del codice mobile nazionale e dei codici di rete mobile; le informazioni sulle torri o codici “Cell ID” sono considerati “un segnale aggiuntivo per migliorare ulteriormente la velocità e le prestazioni della consegna dei messaggi”. Tuttavia, Big G non avrebbe mai usato né conservato tali dati e ora, alla luce delle notizie apparse sui media, starebbe lavorando per disattivare questa funzione; da Mountain View assicurano che entro la fine del mese i cellulari Android non manderanno più i dati sulla location delle torri cellulari a Google, almeno non come parte di questo servizio non disattivabile.

WEBCAST
Come sviluppare una sicurezza personalizzata per le esigenze di ogni settore di attività?
Sicurezza

Secondo The Verge, Google avrebbe deciso di usare i dati delle torri per migliorare il suo prodotto Firebase Cloud Messaging, in cui i dispositivi mobili devono contattare i server a intervalli regolari per ricevere subito i messaggi.

Ma ciò che stupisce molti commentatori è che Big G possa aver avuto accesso ai dati delle torri cellulari, solitamente custoditi dalle telco e condivisi con aziende terze solo in particolari circostanze. Senza contare le implicazioni per la sicurezza e la privacy delle persone, localizzabili, con la triangolazione delle torri, con una precisione di un quarto di miglio, circa 400 metri. Un po’ come vediamo nei telefilm polizieschi americani quando i detective vogliono trovare i criminali o i terroristi – solo che, a detta dei media Usa, a farlo sarebbe stata Google con gli Android di tutti.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

D
dati
G
google