Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL BILANCIO

Vuetel, ricavi 2016 a +20%: traina l’Africa sub-Sahariana

La posizione finanziaria netta cresce del 187% rispetto al 2015. L’Ad Giovanni Ottati: “La vision strategica è di diventare il partner tecnologico infrastrutturale ideale per gli operatori Tlc, Ict e per le aziende nell’area Sud del Mediterraneo”

14 Feb 2017

A.S.

I ricavi 2016 toccano per VueTel quota 130 milioni di euro nel 2016, registrando un +20% rispetto ai 106 milioni dell’anno precedente. Il gruppo italiano di servizi di telecomunicazioni che opera nel mercato dei servizi wholesale internazionali voce e dati vede un aumento dell’Ebitda, che passa da 1.3 milioni a 2.2 milioni di euro, a +70% rispetto al 2015. La posizione finanziaria netta del gruppo si attesta inoltre a 4 milioni di euro, in crescita del 187% rispetto agli 1.5 milioni dell’anno precedente. Il volume dei contratti che l’azienda ha stipulato in Nord Africa nel settore del project management e del consulting a oggi raggiunge i 7 milioni di euro.

“Il piano strategico per il prossimo triennio porterà a una significativa trasformazione della società da operatore di servizi di telecomunicazioni internazionali di fonia a operatore di servizi dati e infrastrutture di telecomunicazioni nel bacino del Mediterraneo e Africa Sub-sahariana – commenta Giovanni Ottati (nella foto), Ceo di VueTel – A fronte di un consolidamento generale della nostra infrastruttura dati finalizzata a fornire nuovi servizi, la vision strategica di VueTel è quella di diventare il partner tecnologico infrastrutturale ideale per gli operatori Tlc, Ict e per le aziende nell’area sud del Mediterraneo”.

VueTel ha inoltre recentemente sottoscritto una membership con Linx (London Internet eXchange), una delle più grandi realtà mondiali per quanto riguarda i servizi di peering. L’accordo ha lo scopo di sviluppare le interconnessioni pubbliche con i più importanti fornitori di servizi e di contenuti.

Sempre nell’ottica di migliorare la qualità delle rotte, l’azienda ha anche stipulato un contratto di peering privato con Google: “Tra i fornitori di contenuti, al momento Google è il più importante – continua Ottati – Il canale diretto con Google fa sì infatti che i contenuti e servizi siano più velocemente e facilmente fruibili dai nostri utenti”.

Argomenti trattati

Approfondimenti

G
Giovanni Ottati
G
google
V
Vuetel

Articolo 1 di 5