L'EVENTO

A Roma il summit sull’Agenda digitale

Il 12 e 13 novembre l’edizione 2013 del Digital Government Summit che vedrà a dibattito i principali protagonisti politico-istituzionali e i rappresentanti della PA centrale e locale. Mochi Sismondi (Forum PA) e Masiero (Think!): “Non ci occuperemo solo di cosa fare, ma di come fare”. Il Corriere delle Comunicazioni main media partner

04 Nov 2013

L.M.

Come si sta procedendo a realizzare l’Agenda Digitale, quali i prossimi obiettivi e in quale modo raggiungerli? Sono i temi del Digital Government Summit 2013, che si terrà a Roma i prossimi 12 e 13 novembre.

Organizzato in collaborazione con “Corriere delle Comunicazioni” come main media partner, il Summit, maggior evento italiano sul tema dell’Agenda Digitale, è promosso dalle Fondazioni Astrid e Think! con Forum Pa, insieme a The Innovation Group.

Il vertice è rivolto ai Key Decision Makers responsabili della pianificazione del governo degli enti centrali e locali – e coinvolti nel processo decisionale e nella gestione degli investimenti sui sistemi informativi – ai politici e agli amministratori e a tutto l’ecosistema delle imprese ICT impegnate nel settore della Pubblica Amministrazione

Nell’annunciare il Summit, Carlo Mochi Sismondi, presidente Forum Pa, e Roberto Masiero, presidente Think!, hanno sottolineato che non vuole occuparsi semplicemente del “cosa fare” rispetto all’Agenda Digitale. “Noi vogliamo occuparci – dicono – piuttosto del ‘come fare’, ossia di quel processo di policy design che trasforma un obiettivo in una politica con indicazioni precise delle modalità, delle fasi, dei responsabili, dei tempi, delle risorse. E, quanto alle priorità, Franco Bassanini, presidente della Fondazione Astrid, recentemente ha scritto che si tratta di promuovere la domanda pubblica, promuovere l’alfabetizzazione informatica, introdurre drastiche misure di semplificazione amministrativa, utilizzare al meglio gli strumenti europei”.

Il Digital Government Summit intende dunque, coerentemente con questo approccio, fare il punto sul processo di attuazione dell’Agenda Digitale, sulle priorità identificate per il prossimo futuro e sulla roadmap da seguire per raggiungerle.

WHITEPAPER
Come è cambiato in Italia il quadro normativo dei pagamenti digitali verso la PA?

Intende poi presentare una serie di best practices digitali realizzate nella Pa Centrale e Locale, nelle Regioni, nei Comuni, nella Sanità, nel Welfare, nell’Istruzione, nella Giustizia e nelle infrastrutture Strategiche.

Si propone quindi di fornire il più ampio panorama di tecnologie, soluzioni, servizi e competenze che l’industria rende possibili alla PA sia a livello nazionale che internazionale in vista delle priorità indicate dall’ Agenda.

“Per far questo – proseguono Mochi Sismondi e Masiero – abbiamo chiamato i responsabili delle politiche di innovazione: dal Commissario di Governo per l’Agenda Digitale Francesco Caio, al direttore dell’ Agenzia per l’Italia digitale Agostino Ragosa, dai vertici di Sogei Cannarsa e di Consip Casalino al Presidente del garante per i dati personali Soro e al Ministro per la PA e la semplificazione Gianpiero D’Alia, al Vice Ministro Antonio Catricalà”.

Saranno presenti poi i massimi esponenti delle principali aziende del settore e lo stesso Presidente di Confindustria digitale Stefano Parisi insieme al Presidente di Poste Italiane e del Comitato di Confindustria per i servizi digitali evoluti, Massimo Sarmi. Le regioni saranno rappresentate dai responsabili politici dell’innovazione ( dalla vicepresidente della Toscana Targetti al Presidente della Campania Caldoro, dall’assessore emiliano-romagnolo Peri) e i Comuni da numerosi sindaci e assessori tra cui il Presidente del tavolo innovazione dell’Anci Lepore, del comune di Bologna)

Importanti temi, quali scuola, la sanità, l’identità digitale e la cooperazione con i Paesi del Mediterraneo saranno al centro delle sessioni tematiche.