Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

AGENDA DIGITALE

Agenzia digitale, avanti tutta sui pagamenti elettronici

Varate le linee guida sulle transazioni elettroniche nella PA e sull’adeguamento alle norme Sepa. Più facile la diffusione della fattura elettronica

27 Gen 2014

F.Me.

L’Agenzia per l’Italia digitale spinge sulla fattura elettronica e sui pagamenti online della PA. Agid ha infatti varato le Linee Guida per l’effettuazione dei pagamenti a favore delle pubbliche amministrazioni e dei gestori di pubblici. Il provvedimento, approvato in via definitiva anche dalla Banca d’Italia, entrerà in vigore dalla data di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Con la determina 8/2014 assunta dal direttore denerale dell’Agenzia per l’Italia Digitale, Agostino Ragosa in qualità di commissario straordinario, si conclude dunque il percorso partecipato e condiviso con il Ministero dell’economia e delle finanze e tutti gli attori coinvolti nel gruppo di lavoro composto da amministrazioni centrali e locali e al quale hanno contributo anche i prestatori di servizi di pagamento attraverso le proprie associazioni di categoria Abi e Aiip.

“Le nuove Linee Guida rivestono un importante ruolo per il perseguimento di obiettivi definiti tanto a livello nazionale quanto europeo – spiega Agid – Il provvedimento costituisce un tassello fondamentale per il progetto di diffusione della fattura e dei pagamenti elettronici della PA, inserito dal Governo tra le azioni prioritarie per il perseguimento degli obiettivi dell’Agenda Digitale”. E la strategia istituzionale assume ancor più rilevanza se si tiene conto che l’affermazione di procedure telematiche accresce l’efficienza dei servizi di pagamento riducendo l’uso del contante e i relativi costi con un risparmio stimato dello 0,3% del Pil. Le linee guida forniscono inoltre gli strumenti per consentire l’adeguamento delle procedure dei pagamenti delle PA alle regole Sepa per il completamento del processo di migrazione agli standard paneuropei.

La versione definitiva delle linee guida modifica il testo pubblicato in consultazione lo scorso 5 settembre 2013 a seguito del recepimento delle osservazioni pervenute in questa fase.

Articolo 1 di 3