Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Al Comune di Bologna un team dedicato al “social”

L’ente è il primo in Italia a dotarsi di una squadra che si occuperà di gestire i grandi eventi via Facebook e Twitter. L’assessore Lepore: “Una svolta nel modo di fare amministrazione”

21 Nov 2011

Un gruppo di lavoro specializzato in Facebook e Twitter. Il Comune
di Bologna – primo in Italia – segue la rivoluzione informatica,
dotandosi di un team interno dedicato alla comunicazione sui social
network. Ad annunciarlo è Matteo Lepore, assessore alla
Comunicazione di Palazzo D'Accursio, intervenuto questa mattina
al convegno "European digital agenda going local"
ospitato a Palazzo Re Enzo.

Nell'ambito del progetto Iperbole 2020, spiega Lepore,
"creeremo un team interno solo per i social media", che
in sostanza dovrebbe occuparsi di gestire la comunicazione di
grandi eventi o eventuali crisi (Lepore fa l'esempio
dell'alluvione a Genova) nei confronti dei cittadini.
"Questa iniziativa sarà anche l'occasione – sottolinea
l'assessore – per organizzare corsi di formazione e
aggiornamento per il personale del Comune. Battezziamo un modo
nuovo di fare amministrazione".

L'idea rientra nelle iniziative previste nell'agenda
digitale locale del Comune di Bologna, che la Giunta Merola sta
elaborando e che vedrà il primo appuntamento ufficiale il prossimo
15 dicembre all'Urban center. Nel frattempo il Comune mette a
disposizione un blog, a partire da oggi, dove raccogliere i
suggerimenti di cittadini e imprese su servizi, investimenti e
innovazione in campo informatico per la città.

Una prima svolta tecnologica, in realtà, sta già vedendo la luce.
Entro fine anno sarà completata la posa della rete Man, che
collega con la banda larga tutte le 38 sedi del Comune sparse in
città. "Solo grazie a questa connessione – sottolinea Lepore
– possiamo risparmiare sul bilancio dell'anno prossimo circa
600mila euro".