Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA CERTIFICAZIONE

“Bollino” Agid per il cloud di Aruba

La piattaforma Aruba Virtual Private Cloud inserita nel catalogo qualificato dell’Agenzia. Il direttore marketing Gabriele Sposato: “Affianchiamo la PA nella trasformazione digitale”

13 Mar 2019

Il cloud di Aruba ottiene il “bollino” Agid. Aruba. La società stata qualificata come Cloud Service Provider (Csp) per erogare servizi alle PA. Nel dettaglio, è stata qualificata come Csp di tipo C, cioè dotata di un’infrastruttura capace di erogare servizi di livello IaaS, PaaS e SaaS.

A partire dal 1 aprile 2019 la PA dovrà adottare servizi cloud – IaaS, PaaS e SaaS – che siano esclusivamente qualificati da AgID e pubblicati nel Cloud Marketplace (Catalogo dei servizi Cloud qualificati per la PA). Tra questi è disponibile “Aruba Virtual Private Cloud”, un servizio IaaS che permette di acquistare quantità variabili di risorse computazionali, rete e servizi aggiuntivi – come ad esempio il Cloud DRaaS e il Cloud Bare Metal Backup – e attraverso la console web VMware vCloud Director, creare e gestire in completa autonomia i propri data center virtuali, completi di funzionalità evolute come firewall perimetrali, bilanciatori e concentratori Vpn, garantendo massima flessibilità e scalabilità.

Il servizio è pensato per offrire le massime prestazioni, rete a 10 Gbit/sec, server con processori di ultima generazione, storage ridondato e replicato in modalità sincrona su un data center secondario per garantire il backup e la ridondanza di qualsiasi dato presente.

Grazie alla qualifica ottenuta, Aruba eroga quindi servizi cloud sia alle PA sia alle Software House che si occupano di SaaS e che, per via dei requisiti richiesti da Agid, devono necessariamente dichiarare su quale infrastruttura sviluppano i propri servizi: in questo senso, il fornitore SaaS può continuare ad avvalersi di un Csp qualificato che abbia quindi già risposto a tutti i requisiti, facilitandosi nei suoi processi di erogazione dei servizi.

“La frammentazione dei sistemi informativi di molte PA rappresenta oggi un ostacolo concreto per l’innovazione. Snellire e migliorare processi e sistemi e sviluppare servizi in modo che siano sempre più adeguati alle esigenze di cittadini e imprese è fondamentale – spiega Gabriele Sposato, Direttore Marketing di Aruba – Come Aruba, continuiamo ad essere al fianco della Pubblica amministrazione e dei partner tecnici specializzati, come le software house, per contribuire concretamente al processo di abilitazione di infrastrutture e servizi in Cloud per la PA. Lo facciamo in modo concreto aiutando i clienti a raggiungere i propri obiettivi e fornendo assistenza nell’intera fase di trasformazione dei sistemi e processi IT. Finalmente oggi ci sono le condizioni giuste perché il processo di Cloud Enablement acceleri anche in ambito PA. Questo porterà benefici per tutti, in primis per cittadini ed imprese.”

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

A
agid
A
aruba
C
Cloud

Articolo 1 di 4