Bonus vacanze a quota 1 milione, l'AppIO "facilitatore" - CorCom

INNOVAZIONE

Bonus vacanze a quota 1 milione, l’AppIO “facilitatore”

I dati resi noti dalla ministra dell’Innovazione, Paola Pisano, che ricorda: “L’incentivo potrà essere richiesto fino al 31 Dicembre 2020”. Ecco come fare

03 Ago 2020

F. Me.

“Ha superato un milione il numero di cittadini che hanno ricevuto il ‘Bonus Vacanze‘ grazie a IO, l’app dei servizi pubblici, applicazione con cui è possibile accedere da smartphone a numerosi servizi della Pubblica Ammistrazione”. A rilevarlo è la ministra dell’Innovazione tecnologica e della Digitalizzazione, Paola Pisano, in un post su Facebook.

“Reso disponibile a partire dal 1 luglio scorso per iniziativa del Mibact e Agenzia delle Entrate, il bonus potrà essere ottenuto da quanti ne hanno diritto fino al 31 Dicembre 2020”, ricorda Paola Pisano.

Dal 1° luglio al 31 dicembre 2020 i nuclei familiari con Isee fino a 40.000 euro possono richiedere e utilizzare – esclusivamente online attraverso IO, l’app dei servizi pubblici –  il Bonus Vacanze previsto dal Decreto Rilancio.

Per chiedere il bonus bisogna essere in possesso di un’identità digitale Spid (in alternativa alla Cie 3.0) e aver installato l’app IO.

Il bonus vacanze ha dato sprint a Spid che solo nel mese di luglio ha fatto registrare più di 1 milione di attivazioni.

Complessivamente nel primo semestre del 2020 le identità digitali sono cresciute del 50% rispetto a fine 2019, arrivando a superare a luglio i 9 milioni di utenti attivi.

Come funziona l’accesso con Spid al Bonus Vacanze

Spid è composto da una coppia di credenziali (username e password), a cui, a seconda della necessità di sicurezza del servizio da utilizzare (ad esempio una transazione economica), possono essere associate ulteriori verifiche di sicurezza per un massimo di tre livelli.

Per ottenere il bonus attraverso l’app IO è previsto il “secondo livello” di sicurezza, che richiede:

WHITEPAPER
Inquinamento acustico: linee guida per la PA
PA

1) un nome utente e una password (le credenziali Spid);

2) la generazione di un codice temporaneo di accesso (one time password), fornito attraverso mail, sms o con l’uso di un’app (fornita dal gestore di identità digitale) fruibile, ad esempio, attraverso smartphone o tablet.

Come ottenere Spid

Per richiedere Spid è necessario essere maggiorenne e rivolgersi a uno dei nove gestori di identità digitale (Identity provider – Idp) accreditati da Agid. In questo modo l’identità è verificata e le credenziali ottenute potranno essere usate ad ogni accesso per i servizi pubblici o privati.

Bastano solo 3 passi per registrarsi: inserire i dati anagrafici; creare le proprie credenziali Spid; effettuare il riconoscimento.

La registrazione è gratuita, in alcuni casi (come il riconoscimento via webcam con qualche gestore) può essere previsto il pagamento di una piccola quota una tantum.

Per registrarsi c’è bisogno di: un indirizzo e-mail (non serve un indirizzo PEC, ma è possibile utilizzarlo); il numero di telefono del cellulare utilizzato normalmente; un documento di identità valido (uno tra: carta di identità, passaporto, patente); la propria tessera sanitaria o, se non si ha titolo ad ottenerla (ad esempio per un italiano residente all’estero) il tesserino del codice fiscale attualmente rilasciato.

Durante la registrazione può esser necessario fotografare i documenti (di identità e la tessera sanitaria/del codice fiscale) e allegarli al form da compilare.

Se si è già cliente di uno degli Identity Provider, si potrebbe avere un flusso di registrazione semplificato.

Come funziona il Bonus Vacanze

L’importo del bonus sarà modulato secondo la numerosità del nucleo familiare:

500 euro per nucleo composto da tre o più persone

300 euro da due persone

150 euro da una persona.

Non è necessario stampare nulla e sarà sempre a disposizione sul proprio smartphone, grazie all’app IO. Basterà mostrarlo, al momento di pagare il soggiorno, direttamente presso la struttura scelta per trascorrere le vacanze e che aderisce all’iniziativa del Bonus Vacanze.

WHITEPAPER
Come è cambiato in Italia il quadro normativo dei pagamenti digitali verso la PA?

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

P
Paola Pisano

Approfondimenti

A
appIO
B
bonus vacanze
S
spid

Articolo 1 di 5