I FONDI PNRR

Cloud, 374 milioni per migrare al Psn: pubblicato l’avviso

Online sul sito del Dipartimento per la Trasformazione digitale. Gli enti possono richiedere il “passaggio” dei dati, a partire da quelli critici e strategici. Il sottosegretario Butti: “Cambio di passo nella gestione delle informazioni pubbliche”

Pubblicato il 10 Feb 2023

Data Privacy Framework, come adeguarsi alle nuove regole e cosa cambia per le aziende italiane

Prende forma il Polo Strategio Nazionale. Da oggi le PA Centrali possono richiedere la migrazione dei propri dati e servizi, a partire da quelli critici e strategici, verso il Psn, aderendo all’avviso della Misura 1.1 “Infrastrutture digitali” del Pnrr, pubblicato dal Dipartimento per la trasformazione digitale.

“Con il lancio di questo primo avviso diamo un’opportunità alle Pubbliche Amministrazioni Centrali interessate ad entrare nel Polo Strategico Nazionale spiega Alessio Butti, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all’Innovazione – Grazie alle risorse del Pnrr, che mette a disposizione con questo avviso oltre 373 milioni di euro, incentiviamo la migrazione verso l’infrastruttura, permettendo alle pubbliche amministrazioni centrali di compiere un cambio di passo nella gestione dei dati in loro possesso”.

L’avviso del Dipartimento della Trasformazione digitale

Dopo l’attivazione del Psn, avvenuta a dicembre 2022 nel rispetto delle tempistiche del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, l’avviso è aperto a una platea di amministrazioni pilota. Ministeri, Agenzie fiscali e la Presidenza del Consiglio possono usufruire di  un importo totale pari a 373 milioni e 800 mila euro per migrare in cloud i propri sistemi, applicazioni e dati sull’infrastruttura del Psn, come previsto dalla Missione 1 del Pnrr e in linea con la Strategia Cloud Italia. Nelle prossime settimane saranno pubblicati Aavisi dedicati anche a tutte le Aziende Sanitarie Locali e alle altre amministrazioni centrali.

WHITEPAPER
Incentivi e Sostegni alle innovazioni nelle imprese: Strategie IT su cui puntare
Manutenzione predittiva
Additive Manufacturing

Chi può aderire e come partecipare

All’avviso possono aderire anche le singole articolazioni organizzative di primo livello di ogni PA centrale interessata, incluse le singole Direzioni generali, Dipartimenti o Comandi. Le risorse possono essere utilizzate per finanziare la migrazione di dati e servizi verso il Polo Strategico Nazionale.

Per presentare la domanda di partecipazione è necessario seguire le indicazioni contenute nell’avviso che è stato pubblicato sul sito https:/ innovazione.gov.it/ . La scadenza per la presentazione delle richieste è il 28 aprile 2023.

Polo Strategico Nazionale, cos’è e come funziona

Il Polo Strategico Nazionale (Psn) è l’infrastruttura ad alta affidabilità che ha l’obiettivo di dotare la Pubblica Amministrazione di tecnologie e infrastrutture cloud che possano beneficiare delle più alte garanzie di affidabilità, resilienza e indipendenza.

Il Dipartimento per la trasformazione digitale ha promosso la creazione del Polo Strategico Nazionale attraverso una convenzione stipulata con la società di nuova costituzione Polo Strategico Nazionale S.p.A., partecipata da Tim, Leonardo, Cassa Depositi e Prestiti (Cdp, attraverso la controllata Cdp Equity) e Sogei.

Il Polo ospiterà i dati ed i servizi critici e strategici di tutte le amministrazioni centrali (circa 200), delle Aziende Sanitarie Locali (Asl) e delle principali amministrazioni locali (Regioni, città metropolitane, comuni con più di 250 mila abitanti).

La realizzazione del Polo Strategico completa la missione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Missione 1, componente 1, investimento 1.1 Cloud PA/Polo Strategico Nazionale) per accelerare la trasformazione digitale della PA e ha l’obiettivo, congiuntamente all’iniziativa 1.2 del Pnrr “Abilitazione e facilitazione migrazione al cloud”, di portare il 75% delle amministrazioni italiane ad utilizzare servizi in cloud entro il 2026.

Come indicato nella Strategia Cloud Italia, il Polo sarà distribuito geograficamente sul territorio nazionale presso siti opportunamente identificati, per garantire adeguati livelli di continuità operativa e tolleranza ai guasti.

Il partenariato pubblico-privato

Polo Strategico Nazionale è la società di nuova costituzione partecipata da Tim, Leonardo, Cassa Depositi e Prestiti (Cdp, attraverso la controllata Cdp Equity) e Sogei.

Il 24 agosto 2022 Polo Strategico Nazionale ha sottoscritto con il Dipartimento per la trasformazione digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, la Convenzione per l’affidamento in concessione della progettazione, realizzazione e gestione dell’infrastruttura per l’erogazione di servizi cloud per la Pubblica Amministrazione.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 2