Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Codice della strada, a Firenze le multe sono online

La prefettura aderisce al progetto “Sana”, sviluppato dal ministero dell’Interno: il cittadino potrà seguire via Web tutto l’iter relativo alla sanzione, presentando via Pec e firma digitale l’eventuale ricorso

30 Nov 2011

Tutto pronto nella Prefettura di Firenze per l'avvio del nuovo
servizio telematico che permetterà a chi ha preso una multa di
seguire la sua pratica online. Una rivoluzione organizzativa sul
fronte delle infrazioni al codice della strada, che cambierà la
comunicazione tra le istituzioni e renderà più semplice e
trasparente per il cittadino seguire l'iter della sua pratica;
se poi l'utente dispone di una casella di posta certificata
(Pec) e della firma digitale potrà persino presentare online
l'eventuale ricorso.

Si tratta di un nuovo sistema, messo a punto dai servizi
informatici del Ministero dell'Interno, che ora sbarca anche a
Firenze. Sono già una trentina le prefetture collegate a questo
nuovo portale denominato Sana (Sanzioni Amministrative) che
consente la gestione online di tutti i procedimenti connessi alle
violazioni al codice della strada. Lo scopo è quello di rendere
più efficiente il servizio, velocizzare le procedure, ridurre
l'uso della carta e consentire all'utente di verificare,
comodamente dal suo computer e in ogni momento, a che punto è la
sua contravvenzione nel pieno rispetto della privacy: potrà sapere
in tempo reale quali provvedimenti sono stati adottati, se è stata
fissata un'audizione, scaricare documenti e file.

Inoltre ogni volta che gli uffici apporteranno una modifica alla
sua posizione, potrà essere avvisato da un sms. Tutto questo
collegandosi al sito http://sana.interno.it. Quindi più
trasparenza e meno burocrazia. E soprattutto niente più code agli
sportelli e un uso fortemente ridotto della carta. Il sistema
prevede infatti che gli organi che accertano un'infrazione –
polizia, carabinieri, guardia di finanza, corpo forestale dello
Stato e vigili urbani – inseriscano dati e documenti scannerizzati
nel portale dal quale per via telematica arrivano alla
Prefettura.

Il progetto Sana, permette così di creare fascicoli informatici,
realizzando in pieno uno degli obiettivi fissati dal Codice
dell'amministrazione digitale: dematerializzare tutti i
procedimenti, ovvero fare sempre meno uso della carta, avvalendosi
delle tecnologie informatiche. Quando si parte? Il sistema è
pronto e il suo funzionamento è stato illustrato ieri in
Prefettura dagli esperti del Ministero dell'Interno giunti da
Roma. Per entrare in fase operativa occorre a questo punto solo la
sottoscrizione con i Comuni della provincia dei protocolli
d'intesa per definire gli aspetti tecnologici di collegamento.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link