Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Cuneo, il 18 aprile al via accordo tra Brunetta e Provincia

15 Apr 2009

Il ministro per la Pubblica amministrazione e l'Innovazione
Renato Brunetta e il presidente delle Provincia Raffaele Costa si
impegnano ad agevolare l'accesso dei cittadini ai servizi della
pubblica amministrazione. In questo ambito si colloca la firma del
protocollo d'intesa per l'innovazione organizzativa e
tecnologica per la realizzazione di servizi ai cittadini e alle
imprese. La sigla è prevista per sabato 18 aprile, alle 9,30,
nella sala Giolitti della Provincia. Oggetto dell'accordo sarà
il miglioramento delle relazioni tra amministrazioni nei diversi
livelli istituzionali, cittadini ed imprese del territorio della
Granda.

“Questa Giunta – ha dichiarato il presidente Costa – ha
lavorato, in materia di politiche delle risorse umane, con serietà
e trovando piena collaborazione nella controparte sindacale. Ogni
iniziativa che avvicina l'amministrazione pubblica
ai cittadini è positiva perché consente di allontanare lo spettro
della burocrazia, aiutando inoltre a percepire il carattere di
“servizio pubblico”. Bene quindi la decisione della
semplificazione amministrativa, bene quella dei servizi via
internet (che rappresentano il futuro), bene tutto ciò che va
nella direzione della riduzione delle carte e delle scartoffie a
vantaggio dei reali servizi ai cittadini.

Lavoreremo con il Ministero per dare contenuti a queste istanze.
Affrontiamo questa sfida ben sapendo di poter contare su
professionalità qualificate nel personale interno che dà
quotidianamente buona prova di sé. I dipendenti della Provincia si
sono di poco ridotti nei numeri negli ultimi anni, ma va anche
detto che maggiori sono state nel contempo le risorse destinate
alla produttività e all'incentivazione, nonché l'impegno
degli stessi”. I contenuti del protocollo saranno condivisi da un
gruppo di lavoro paritetico formato da due rappresentanti del
Ministero e due della Provincia.