Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Da settembre la Pec per cittadini e imprese

Le prime amministrazioni a dialogare con i cittadini via Pec saranno Sanità e Giustizia

05 Mag 2009

Da settembre la posta elettronica certificata sarà a disposizione
di imprese e cittadini. Ad annunciarlo oggi il ministro per la PA e
Innovazione, Renato Brunetta, durante una conferenza stampa a
Palazzo Chigi, specificando che "il ministero sta lavorando ad
un'apposita gara".

"Già dopo l'estate cittadini e imprese potranno usare la
Pec per dialogare con le amministrazioni, pretendendo una risposta
per via telematica nei tempi previsti – specifica Brunetta -. Se
questo non avverrà gli utenti potranno utilizzare la class action
la cui regolamentazione è inserita nel decreto delegato che verrà
presentato il prossimo venerdì al Consiglio dei
ministri".

I primi comparti a partire con l'uso della e-mail certificata
saranno Sanità e Giustizia. "Già nel settore sanitario sono
state avviate una serie di sperimentazioni di digitalizzazione –
puntualizza il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi -. Stiamo
lavorando all'implementazione del fascicolo sanitario
elettronico, alla digitalizzazione delle prescrizioni mediche e
alla dematerializzazione della dignostica. Si tratta di iniziative
che porteranno ad un notevole taglio dei costi: solo per le ricette
online stimiamo tagli del 20%-30%".

La conferenza stampa è stata l'occasione per presentare i
prossimi passi del progetto"Tagliaoneri" (introdotto dal
dl 112/2008) per ridurre i costi della burocrazia per le imprese e
favorire il recupero della competitività. Per quanto riguarda
l'Ict il secondo step dell'iniziativa prevede un'unica
comunicazione telematica dei dati retributivi e contributivi
(Uniemens) in luogo delle due comunicazioni fino ad oggi necessarie
ogni mese. Con Uniemens le imprese risparmieranno circa 680 milioni
di euro.

Nel settore prevenzione incendi, invece, si stabilisce
l'informatizzazione dei procedimenti per il rilascio e il
rinnovo del certificato del certificato di prevenzione incendi con
risparmio di cica 100 milioni di euro.