INNOVAZIONE

Digitale, accordo Butti-Anci per l’attuazione del Pnrr

Si punta a supportare i Comuni italiani nell’attuazione delle misure di digitalizzazione previste dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Il sottosegretario: “Garantiremo la massima semplificazione dei processi”. Decaro: “Le nostre comunità hanno il diritto di poter finalmente contare su una  amministrazione pubblica rapida ed efficiente”

Pubblicato il 26 Mag 2023

Scopri come la Trasformazione Digitale può aiutare le aziende a creare nuovi processi di business e soddisfare le aspettative dei clienti, utilizzando tecnologie come il Cloud Computing, Big Data e Analytics, Intelligenza Artificiale e Machine Learning.

Supportare i Comuni italiani nell’attuazione delle misure di digitalizzazione previste dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza: è l’obiettivo dell’accordo operativo siglato tra il Dipartimento per la trasformazione digitale della Presidenza del Consiglio e l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (Anci).

Il Fondo complemetare al Pnrr

Grazie alle risorse messe a disposizione dal Fondo complementare al Pnrr, l’accordo consentirà di potenziare la capacità dei Comuni di gestire l’intero ciclo della digitalizzazione locale, inquadrando le risorse Pnrr all’interno di un percorso più ampio che punti alla completa semplificazione e digitalizzazione dei processi. La collaborazione con l’Anci garantirà infatti un costante monitoraggio dell’avanzamento degli interventi, delle milestone e dei target anche attraverso l’attivazione di una raccolta dati e informazioni sistemica e aggiornata.

Ridurre il divario digitale

“La collaborazione con l’AnciI è un ulteriore, importante, tassello che si aggiunge all’insieme di accordi istituzionali che stiamo redigendo per digitalizzare il Paese e velocizzare la messa a terra dei progetti previsti dal Pnrr – spiega Sottosegretario con delega all’Innovazione tecnologica, Alessio Butti – Il Transformation office del Dipartimento, organizzato localmente, lavorerà in stretta collaborazione con il sistema Anci per garantire la massima semplificazione dei processi e accompagnare tutti i Comuni verso una transizione completa, con un’attenzione particolare alle aree interne e alle realtà locali di piccole dimensioni, per non lasciare nessuno indietro. I risultati che negli ultimi mesi abbiamo registrato sugli avvisi di PA digitale 2026 sono il segnale che c’è una forte volontà al cambiamento da parte delle amministrazioni, alle quali occorre garantire un’azione di ascolto e supporto costante per orientare al meglio i processi di trasformazione e ridurre il divario digitale in tutto il Paese”.

Investimenti per la modernizzazione

“L’accordo – evidenzia il presidente dell’Anci e sindaco di Bari, Antonio Decaro – interviene su uno snodo cruciale degli investimenti per la modernizzazione del Paese e della Pubblica amministrazione al servizio dei cittadini. Abbiamo bisogno di lavorare insieme, a tutti i livelli istituzionali, per raggiungere gli obiettivi fissati dal Pnrr nel campo della transizione digitale. Non è soltanto un adempimento dovuto nei confronti dell’Europa, è soprattutto un obbligo verso le nostre comunità, che hanno il diritto di poter finalmente contare su una  amministrazione pubblica rapida, moderna, efficiente, trasparente nei propri processi interni e nei rapporti con i cittadini”.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 4