E-PROCUREMENT

Digitalizzazione PA, Consip: 500 milioni per il system management dei Ced

Oltre che per i servizi dei centri eleborazione dati il nuovo accordo quadro vale anche per gli acquisti funzionali ai progetti della Missione 1 del Pnrr. Obiettivo: l’affidamento in outsourcing della gestione delle infrastrutture informatiche

Pubblicato il 19 Gen 2023

pa digitale

Si rinnova l’offerta Consip nell’ambito dei servizi per la digitalizzazione della pubblica amministrazione: al lancio l’accordo quadro per i servizi di “System management” dei centri elaborazione dati della PA, del valore di 500 milioni di euro, che può essere utilizzato anche per gli acquisti funzionali ai progetti Pnrr della Missione 1 (Digitalizzazione, Innovazione, Competitività, Cultura) e in particolare della Componente 1 (Digitalizzazione, innovazione e sicurezza nella PA).

L’iniziativa è diretta, infatti, all’affidamento in outsourcing dei servizi sistemistici per la gestione delle infrastrutture informatiche delle amministrazioni pubbliche. Si tratta, quindi, di attività volte a garantire la piena operatività delle infrastrutture tecnologiche dei centri elaborazione dati (Ced), a mantenerne la perfetta efficienza, a garantire agli utenti la disponibilità e le prestazioni delle applicazioni installate e l’integrità dei relativi dati, nonché a fornire il supporto necessario per garantirne il costante allineamento con l’evoluzione tecnologica del mercato Ict.

Acquisizione con ordine diretto o con appalto specifico

L’accordo quadro prevede come servizio base la conduzione operativa delle infrastrutture Ced, la gestione quotidiana di sistemi, reti, sicurezza e il monitoraggio H24 da remoto. Sono previsti, inoltre, servizi opzionali (quali reperibilità/interventi fuori orario), e accessori (monitoraggio H24 on-site, manutenzione hardware, supporto ambienti client). Lo strumento prevede che l’acquisizione dei servizi possa avvenire con due modalità alternative: con ordine diretto, senza rilancio del confronto competitivo fra le imprese aggiudicatarie – Rti Fastweb ed Rti Enterprise Services Italia – individuando il fornitore in base alla graduatoria di merito o, qualora il primo classificato abbia esaurito con ordini precedenti il valore contrattuale a sua disposizione, rivolgendosi al secondo classificato, oppure con appalto specifico, con rilancio del confronto competitivo fra i tre fornitori aggiudicatari – Rti Fastweb, Rti Enterprise Services Italia, Rti Almaviva – in presenza di almeno una di queste tre condizioni: fornitura stimata di valore superiore a 5 mln/€; richiesta di servizi accessori; volontà della PA di modificare le prescrizioni dell’zccordo quadro in merito a configurazione dei servizi o ai livelli di servizio e relative penali associate.

INFOGRAFICA
Come sfruttare al meglio i fondi del PNRR per rinnovare gli impianti idrici
IoT
Manifatturiero/Produzione
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Argomenti trattati

Aziende

C
consip

Approfondimenti

C
ced
D
digitalizzazione pa
E
e-procurement
P
Pnrr

Articolo 1 di 5