SANITA'

Diabete, il dosaggio dell’insulina lo gestisce lo smartphone

L’applicazione “mylifeTM Dose” associata a un microinfusore consente di programmare ed erogare i boli in automatico. Messa a punto da Ypsomed Italia è parte di un progetto più ampio che mira a dare vita ad uno “smart pancreas”

31 Ago 2022

Lorenzo Forlani

health-150918171611

Programmare ed erogare i boli di insulina tramite il proprio smartphone, in modo semplice e discreto, senza dover più mettere mano al microinfusore: da ieri tutto ciò è possibile per i pazienti affetti da diabete tipo 1 in tutti i Paesi europei, Italia compresa, grazie a “mylifeTM Dose“, l’innovativa funzionalità dell’App mylifeTm, associata al microinfusore mylifeTM YpsoPump.

Come funziona la app e la sua funzionalità Dose

L’App, integrata con la nuova funzione Dose, può essere scaricata gratuitamente da Google Play Store e da Apple App Store, mentre gli utenti che già la utilizzano non dovranno preoccuparsi di scaricare alcun aggiornamento, perché l’upgrade del sistema avviene automaticamente. La disponibilità della nuova funzione mylife Dose rappresenta la seconda delle tre fasi del mylife Loop Program sviluppato da Ypsomed per offrire ai pazienti un sistema modulare di microinfusione.

WHITEPAPER
I trend che stanno trasformando strumenti e processi nel Monitoring
Digital Transformation
Finanza/Assicurazioni

Il primo step in questa direzione è stato l’introduzione della funzione mylifeTm Assist, che permette di controllare sullo smartphone i livelli di glucosio misurati dal sistema di monitoraggio glicemico continuo (Cgm) Dexcom G6. Grazie a Dose, adesso, questi dati potranno essere utilizzati per calcolare e somministrare il bolo di insulina dal proprio smartphone, dal momento che l’App dialoga con il microinfusore, senza necessità, quindi, di mettere mano a quest’ultimo.

Obiettivo finale è lo smart pancreas

Il prossimo passo per il completamento del mylife Loop Program è rendere il sistema di erogazione di insulina mylife YpsoPump automatico e adattativo, in grado di apprendere e adattarsi alle esigenze del singolo paziente. L’obiettivo finale, insomma, è quello di realizzare uno “smart-pancreas” ad architettura modulare e smartphone-based, per una reale personalizzazione della terapia.

“Con mylife YpsoPump abbiamo creato un sistema per la terapia insulinica piccolo, leggero, facile e intuitivo da usare”, afferma Peter Georg Haag, Amministratore Delegato di Ypsomed Italia. “Questo era per noi solo l’inizio di un programma che ha l’obiettivo di migliorare la vita delle persone con diabete. Ora, grazie all’ultimo aggiornamento di mylife App con l’innovativa funzione mylife Dose, abbiamo raggiunto un’altra importante tappa del nostro programma. A breve l’integrazione di algoritmi per la somministrazione automatizzata di insulina renderà la nostra una piattaforma terapeutica completa, capace di sfruttare appieno le potenzialità dello smartphone e caratterizzata da un approccio modulare e interoperabile”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

A
app
D
diabete
S
salute digitale

Articolo 1 di 5