Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

SCENARI

La sanità sempre più digital: siamo alla svolta?

Apple spinge l’acceleratore sui wearable per la “salute” e Amazon punta sulle polizze assicurative. Secondo analisti ed esperti il nuovo anno riserverà sorprese sul fronte delle partnership per allargare il fronte del business

28 Dic 2018

A. S.

Il 2019 si presenta per gli operatori tecnologici nel campo della salute come un anno di svolta, in cui si definiranno e affermeranno definitivamente una serie di trend destinati a durare nel tempo per i prossimi anni.

A dimostrarlo c’è anche il fatto, secondo un’inchiesta condotta da Cnbc, che le startup dell’e-health hanno raggiunto vette di finanziamenti finora mai toccate. Ma anche i grandi operatori dell’online, e questo è un secondo indicatore importante, hanno iniziato ad avventurarsi nel campo della saute, da Apple ad Amazon, cercando nuove e promettenti opportunità di business, arrivando a potere a termine importanti campagne di reclutamento di talenti ed esperti. Dal canto loro le società specializzate hanno rafforzato le loro competenze nel campo della tecnologia con partnership che le possano aiutare a migliorare la user experience e a modernizzare la loro offerta per non rimanere fuori dal nuovo mercato.  

Tra i cinque principali trend che gli esperti individuato per l’anno che sta per iniziare c’è innanzitutto una crescita sostenuta dell’utilizzo degli wearable a fini “sanitari”. In prima file ci sarebbe Apple, che ha già dotato nel 2018 il nuovo modello dell’Apple Watch con i sensori utili per monitorare l’attività cardiaca degli utenti, e che ora potrebbe lanciare una corsa a dotare i propri dispositivi di applicazioni sempre più orientate all’e-health. A partire dalla soluzione indomabile per la misurazione della pressione arteriosa, progetto per il quale non si è ancora trovata una soluzione pienamente affidabile. Dai regolatori, inoltre, gli esperti si aspettano una progressiva e sempre maggiore apertura alle nuove soluzioni.

La tecnologia, questo il secondo punto, sarà destinata nel 2019 a rivoluzionare il mondo dell’assistenza sanitaria, soprattutto sul versante Usa, dove è molto forte il settore delle assicurazioni private.  Per questo le previsioni parlano di possibili partnership tra il mondo delle assicurazioni e quello dell’industria tecnologica, per mettere in campo soluzioni che scontentano di assistere meglio i clienti e a costi più contenuti.

Proprio il ramo assicurativo potrebbe inoltre essere la prossima grande scommessa di Amazon, dopol’acquisto, portato a termine nel 2018, della farmacia online PillPack e l’alleanza con JP Morgan e Berkshire Hathaway per assicurare l’assistenza sanitaria ai propri dipendenti, il colosso dell’e-commerce potrebbe decidersi a rompere gli indugi e mettersi sul mercato anche i questo campo.

Per l’industria farmaceutica il 2019 sarà l’anno della caccia aperta a innovatori, per cogliere il massimo dalle potenzialità dell’intelligenza artificiale e delle biotecnologie, con una campagna di assunzioni mirate e takeover.

Tra i settori che raccoglierà più investimenti dai fondi, infine, gli esperti individuano quello della salute mentale, con una serie di nuove attività di ricerca che avranno l’obiettivo di capire come le uova tecnologie potranno rendersi utili in questo campo, ad esempio nella cura dell’ansia o della depressione.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5