Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

FORUM PA SANITA'

Il fascicolo sanitario elettronico non decolla: lo usa solo il 7% dei cittadini

I numeri resi noti in occasione della manifestazione di FPA dedicata alla Connected Care: il 47% non conosce lo strumento. Il Mef annuncia una campagna informativa. Mochi Sismondi: “Servono politiche a sostegno dell’innovazione digitale in sanità”

29 Ott 2019

F. Me

Le App sulla salute stanno entrando nella quotidianità ma ancora molto poco conosciuto è il Fascicolo Sanitario Elettronico, lo strumento che permette di tracciare la storia della propria vita sanitaria, condividendola con i professionisti: solo il 7% dei cittadini lo utilizza e il 47% non è neppure a conoscenza della sua esistenza. A fare il punto è il Forum PA Sanità, la due giorni sull’innovazione sostenibile del sistema salute ospitata al Talent Garden Ostiense.

Il Fascicolo Sanitario Elettronico è attivo, almeno su carta, in 18 regioni, ma anche in queste regioni, a utilizzarlo in modo attivo, sono in pochi. “Nonostante gli 1,4 miliardi stanziati nel 2018 per la sanità digitale – spiega Antonietta Cavallo, dirigente della Ragioneria Generale dello Stato (Mef) – sul Fascicolo procediamo a rilento: quasi la metà della popolazione non sa cosa sia e che si può attivare, e i pochi che lo usano sono concentrati in alcune regioni, che tra l’altro non si parlano fra loro”. Questo avviene anche perché è mancata una campagna di informazione.

“La lanceremo a breve – annuncia Cavallo -, nei mesi passati ci siamo occupati di costruire l’infrastruttura del servizio e renderla operativa”.

La filiera della salute in Italia, commenta Carlo Mochi Sismondi, presidente FPA , “vale il 10,7% del Pil, impiega il 10% degli occupati, rappresenta un volano per la crescita e lo sviluppo del Paese, la ricerca e l’occupazione qualificata. Il primo passo, dunque, è cercare di suggerire politiche a sostegno del settore, sfruttando i nuovi modelli organizzativi e le soluzioni tecnologiche rese possibili dal digitale”.

“C’è un enorme potenziale da sfruttare – conclude Mariano Corso, direttore scientifico Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità del Politecnico di Milano – per migliorare la prevenzione e l’accesso ai percorsi di diagnosi e cura, ma richiede uno sforzo congiunto per ripensare i modelli organizzativi e trovare le risorse adeguate”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5