RICERCA E INNOVAZIONE

Quantum computing, Basf avvia maxi progetto per i nuovi farmaci

Il colosso della chimica si allea con Seeqc e aderisce all’iniziativa QuPharma lanciata nel 2021 per capire come l’elaborazione quantistica possa accelerare il processo per la scoperta di medicinali e le simulazioni commerciali

Pubblicato il 17 Feb 2023

quantum

Il quantum computing mette il turbo all’industria chimica e farmaceutica. E’ l’obiettivo di Basf, colosso della chimica, che si allea con Seeqc, azienda specializzata nel calcolo quantistico, per esplorare le applicazioni del quantum computing alle reazioni chimiche. Attraverso la partnership, Basf aderisce al progetto lanciato nel 2021 da QuPharma (guidato da Seeqc), che punta a capire come l’elaborazione quantistica possa accelerare il processo per la scoperta di nuovi medicinali in partnership con Merck KGaA di Darmstadt, Germania, specializzata nella scienza e nella tecnologia.

Gli obiettivi della partnership

Seeqc utilizzerà il proprio computer quantistico digitale proprietario basato su chip per scalare il supporto delle simulazioni commerciali nei catalizzatori industriali. I catalizzatori industriali obiettivo del progetto, spiega una nota, sono particolarmente difficili da simulare con i computer odierni, ma costituiscono la base di una delle più vaste reazioni di catalisi omogenea dell’industria, che produce ogni anno quasi 10 milioni di tonnellate di composti chimici oxo.

Alleandosi con Seeqc nel progetto QuPharma, Basf applicherà la propria competenza alla ricerca chimica critica. Questa competenza, unita alla piattaforma di elaborazione quantistica scalabile e basata su chip di Seeqc, può rispondere in modo efficace alle sfide, offrendo accuratezza nelle simulazioni delle strutture chimiche.

“Seeqc affronta i colli di bottiglia dello scaling attraverso l’integrazione di funzionalità critiche di sistema su una piattaforma unica di quantum computing system-on-a-chip, – dichiara Horst Weiss, vp  Next Generation Computing di Basf -. Alleandoci con Seeqc, possiamo studiare come mappare i nostri casi d’uso specifici sulla loro tecnologia unica, ricavandone un vantaggio immediato nell’era ‘Noisy Intermediate-Scale Quantum’ ed esplorando modi in cui si può scalare con il quantum computing a prova d’errore”.

Quali sono gli approcci utilizzati

Seeqc utilizza un approccio differente rispetto alla maggior parte delle aziende operanti nel campo del quantum computing. Attraverso il Single-Flux Quantum electronics, Seeqc ha sviluppato un approccio ‘sistema su chip’ al quantum computing. La tecnologia Sfq consente a Seeqc di ridurre drasticamente il numero di linee di input e output che collegano elettronica a temperatura ambiente e qubit attraverso multiplexing digitale, lettura e controllo basati su chip, a latenza ultra-bassa ed energeticamente efficienti. Ciò consente un maggiore potenziale per scalare e un minore consumo energetico, offrendo così un computer quantistico stabile e sfruttabile a livello commerciale.

Quali sono le applicazioni

Il sistema quantistico di Seeqc offre efficienza energetica ed economica, velocità e controllo digitali richiesti per rendere il quantum computing utile e portare sul mercato il primo quantum computer scalabile a livello commerciale, dedicato alla soluzione di problemi specifici. Basf, che si unisce a Merck KgaA, Darmstadt, Germania in qualità di clienti finali-partner di Seeqc, convalida ulteriormente i vantaggi commerciali e tecnici di Seeqc rispetto ai concorrenti. Attraverso queste partnership, Seeqc offrirà piattaforme che supportano applicazioni per l’industria chimica e farmaceutica, assicurando che Seeqc e i propri partner abbiano un accesso anticipato a due mercati chiave per l’elaborazione quantistica.

“Stringere un’alleanza con Basf consente a Seeqc di estendere ulteriormente gli obiettivi commerciali della nostra piattaforma di quantum computing application-specific – dice Matthew Hutchings, chief product officer e co-fondatore di Seeqc –. Lavorare con un leader dell’industria chimica quale Basf dà ulteriore conferma alla nostra roadmap di quantum computing scalabile e rafforza il nostro sviluppo di piattaforme guidate dalle applicazioni”.

I vantaggi quantistici per l’industria

“Siamo lieti di avere Basf come parte del progetto – dice Philipp Harbach, responsabile globale dell’Innovazione Digitale di Gruppo presso Merck KgaA, Darmstadt, Germania -. Questo integra il nostro lavoro con Seeqc e i partner di QuPharma e alla fine spingerà l’industria chimica e farmaceutica verso una più veloce realizzazione di un vantaggio quantistico”.

Il progetto QuPharma è stato lanciato nel novembre del 2021 per costruire e rendere disponibile un computer quantistico full-stack che possa venir utilizzato a fianco dei supercomputer classici per accelerare il processo di sviluppo dei farmaci. Seeqc ha ottenuto un contratto da 9 milioni di dollari per guidare il progetto, insieme a un consorzio di partner che rappresentano la supply chain del quantum computing, tra cui Riverlane, Oxford Instruments, l’Università di Oxford, Medicines Discovery Catapult e membri dello Science and Technology Facilities Council, compreso il Centro Nazionale UK per il Quantum Computing e lo Hartree Centre.

Attraverso il progetto QuPharma, Seeqc offre ai propri clienti finali una roadmap chiara per arrivare al momento in cui il quantum computing offrirà valore commerciale alle loro imprese. Per aumentare affidabilità e investimento, Seeqc fornirà caratteristiche chiave per una piattaforma scalabile, compresa la lettura digitale a bassa latenza, un multiplexing digitale stabile e altro, lungo questa roadmap, attraverso il progetto QuPharma.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 5