IL PIANO

Sanità digitale, la Sardegna pronta alla svolta. Sul piatto 270 milioni

Dalla telemedicina all’implementazione della cartella clinica elettronica, la Regione punta all’innovazione del sistema sanitario grazie alle risorse cofinanziate da Pnrr e Pnc. Obiettivo la realizzazione di 80 nuove strutture e oltre 200 obiettivi da portare a termine entro il 2026

07 Apr 2022

L. O.

future-health-index

Slancio digitale della Sardegna che punta a innovare il proprio sistema sanitario. Attraverso interventi infrastrutturali e tecnologici per la digitalizzazione, lo sviluppo della telemedicina e la realizzazione di ospedali, Case della comunità, Centrali operative territoriali. E’ quanto previsto dalla Regione attraverso le risorse del Pnrr e del Pnc (Piano per gli investimenti complementari): oltre 270 milioni di euro le risorse (cofinanziate dalla Regione stessa) per la realizzazione di circa 80 strutture sanitarie e un totale di più di duecento obiettivi da portare a termine entro il 2026.

Le 2 linee di attuazione del programma

Il piano prevede la realizzazione di 50 Case della Comunità su tutto il territorio, 13 Ospedali di Comunità, 16 Centrali operative territoriali e oltre 100 interventi per l’ammodernamento tecnologico.

WHITEPAPER
Sanità: quali le applicazioni di AI in radiologia, oncologia e cardiologia?
Intelligenza Artificiale
Sanità

Due le linee di programma per l’innovazione. La prima, per oltre 47,4 milioni di euro, riguarda la digitalizzazione e l’innovazione dei 9 ospedali classificati come Dea di primo e secondo livello: Giovanni Paolo II (Olbia), San Francesco (Nuoro), Nostra Signora di Bonaria (San Gavino Monreale), Sirai (Carbonia), San Martino (Oristano), Cliniche San Pietro (Sassari), Policlinico Duilio Casula (Monserrato), San Michele, Arnas G. Brotzu, e Santissima Trinità (Cagliari). Fra gli obiettivi indicati, l’implementazione della cartella clinica elettronica ospedaliera e la realizzazione e integrazione dei sistemi di telemedicina (televisita-teleconsulto e telemonitoraggio).

La seconda linea, per un investimento di oltre 49,5 milioni di euro, coinvolge gli ospedali di tutto il territorio e prevede il rinnovo del parco tecnologico dei grandi macchinari (tac, acceleratori lineari, risonanze magnetiche, tomografi, densitometri ossei e telecomandati per esami di radiologia) con l’obiettivo di potenziare le strutture con strumenti diagnostici e di cura di ultima generazione.

Cittadini al centro del nuovo modello sanitario

“Con questo intervento – dice il presidente della Regione, Christian Solinas – stiamo gettando solide basi per costruire il futuro della sanità sarda, che vogliamo sia sempre più di alta qualità e competenza. Quello che stiamo realizzando è un modello nuovo, moderno ed efficiente, in grado di indirizzare e accompagnare il cittadino in un percorso attraverso il quale possa sempre trovare le risposte migliori ai suoi bisogni di cure e assistenza”.

“Come promesso – conclude – investiamo fino all’ultimo centesimo per dare ai sardi servizi sempre migliori, moderni e potenziare cure e assistenza. Non perderemo questa grande opportunità, che ci impegna con tutti i nostri sforzi per investire nel modo migliore queste risorse”.

“In vista dello stanziamento previsto dal Pnrr abbiamo realizzato un piano per il territorio in cui crediamo con forza – dichiara l’assessore regionale della Sanità, Mario Nieddu – e lo abbiamo condiviso con tutti i portatori di interesse, a cui abbiamo chiesto una partecipazione attiva. Stiamo costruendo il futuro con un modello di sanità moderno e sostenibile che va oltre il dualismo ospedale-territorio e dove la centralità è data al cittadino e alle sue necessità. Un modello in grado di orientare il paziente all’interno del nostro sistema sanitario attraverso i percorsi d’assistenza più adeguati”.

Ma le Regioni chiedono ulteriori garanzie

“Un’opportunità importante per il nostro sistema sanitario – sostiene l’assessore Nieddu – che ci consentirà di consolidare il processo di ammodernamento già avviato. La programmazione è stata definita e declinata nel dettaglio per ogni singolo intervento, per ciascuna Asl e per le aziende ospedaliere dell’Isola. Le Cot, gli Ospedali e le Case della Comunità inseriti nel programma del Pnrr andranno ad aggiungersi a quelli già previsti nel Piano regionale della sanità territoriale e finanziati con risorse regionali, nazionali ed europee. Con la realizzazione delle strutture intermedie puntiamo a un modello di presa in carico del paziente su vari livelli. Attraverso il potenziamento della prevenzione e la gestione delle cronicità è possibile ridurre la pressione sugli ospedali che oggi, anziché occuparsi solo dei casi acuti, si trovano a dover dare risposte a qualsiasi problema di salute delle persone, finendo inevitabilmente per andare in difficoltà”.

Per rilanciare il sistema sanitario la Sardegna è al tavolo con le altre Regioni per chiedere al Governo ulteriori interventi che possano garantire il funzionamento del nuovo assetto: “Bene le risorse in campo per le nuove strutture, ma se vogliamo vincere questa sfida – precisa l’assessore Nieddu – servono ulteriori garanzie in particolare sulle coperture finanziarie per potenziare gli organici necessari al funzionamento dei nuovi servizi, e occorrono nuove regole, come la modifica degli accordi collettivi con i medici di famiglia. Inoltre è indispensabile ampliare la capacità di formare nuovi medici, tecnici e personale del comparto sanitario”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4