Foia, Madia pronta a dare battaglia sul nuovo testo - CorCom

TRASPARENZA

Foia, Madia pronta a dare battaglia sul nuovo testo

Il ministro della PA e Semplificazione si impegnerà perché vengano accolte in Cdm le richieste della Camera: focus su silenzio-diniego e su soluzioni extragiudiziali in caso di contenziosi con la PA. “Così i cittadini diventano protagonisti della cosa pubblica”

21 Apr 2016

F.Me

Marianna Madia pronta a dare battaglia in Consiglio dei ministri perché, nel Foia, vengano accolte tutte le richieste contenute nel parere dato ieri dalla Camera. A cominciare dalla cancellazione del silenzio diniego e dalla ricerca di strumenti extra-giudiziali in caso di contenzioso con la PA.

“Le Commissioni di Camera e Senato hanno dato parere favorevole, pur con alcune considerazioni, al Foia (freedom of information act), e come governo siamo pronti a fare nostre le considerazioni del Parlamento – commenta Madia – Il Foia sarà una svolta epocale, se se ne capiscono le potenzialità, nel rapporto tra cittadini, imprese e pubblica amministrazione. L’idea è che la trasparenza sia una politica trasversale che avvicina e consente di operare in modo virtuoso, con modalità certe e trasparenti, e non discrezionali, complicate ed opache”.


“Il punto di partenza – osserva il ministro – è stata l’analisi per cui nel rapporto con la P.a. il male maggiore è l’eccessiva complicazione: troppe leggi, spesso scritte male, troppi livelli di governo, una serie di rinvii a circolari. Questo è uno dei fattori che ha abbassato la competitività. L’eccessiva complicazione ha generato rapporti discrezionali fra imprese e amministrazioni, che hanno finito per favorire rapporti di forza e non i più meritevoli”.

Argomenti trattati

Approfondimenti

F
foia
M
marianna madia
T
trasparenza