ENTI DIGITALI

Il Comune in un’app: in Emilia Romagna arriva TappEr

Si tratta di una soluzione che consente ai cittadini di avere informazioni e di comunicare con gli enti locali mentre sono in mobilità. Realizzata con il contributo di Lepida, si scarica gratuitamente

05 Ago 2015

DE.A.

TappER è l’acronimo di “Top apps per l’Emilia-Romagna”, la soluzione che consente ai cittadini di avere informazioni e di comunicare con il loro Comune mentre sono in mobilità. L’app, scaricabile gratuitamente, consente di consultare con il proprio smartphone le notizie e gli eventi, inoltrare segnalazioni, oppure semplicemente trovare sulla mappa il più vicino hotspot pubblico per il wi-fi.

Nato come progetto del Piano Telematico, TappER è ora pronto all’uso su larga scala, per tutti gli enti che decideranno di aderire. Gli enti che hanno lavorato insieme a Lepida Spa per la sperimentazione sono il Comune di Bologna e la Provincia di Modena, cui si è aggiunto successivamente il Comune di Anzola dell’Emilia. Ognuno degli enti che ha aderito ha scelto quali servizi rendere disponibili in mobilità tramite la app TappER. Così, Bologna ha proposto via TappER le news, le mappe dei punti wi-fi del territorio comunale e la possibilità di comunicare rapidamente e immediatamente con il Comune.

WEBINAR
Industrial collaboration: quanti benefici per il settore manifatturiero?
IoT
Manifatturiero/Produzione

La Provincia di Modena, oltre alle news e alla comunicazione diretta con il cittadino, ha puntato anche sul turismo, rendendo disponibile su mappa i punti di interesse del territorio provinciale, mentre Anzola dell’Emilia consentirà di accedere ai servizi demografici anche dallo smartphone. Per l’Ente che intende aderire, la procedura è semplice: è sufficiente comunicare a Lepida Spa l’intenzione di utilizzare la piattaforma, convenzionarsi gratuitamente e procedere rendendo disponibili le informazioni in forma to standard o interfacciare l’app con i back office dell’Ente. L’utente, dal canto suo, semplicemente scarica l’app da Google play (si può già fare con gli smartphone che usano android e tra poco tempo anche con quelli che hanno IOS) e iniziare a navigare