Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

In Toscana ai fascicoli giudiziari si accede con la card sanitaria

La Regione è la prima al mondo ad attivare il servizio che permette di consultare dati sanitari e giudiziari. Il presidente Rossi: “La Giustizia fattore di competitività del territorio”

23 Nov 2011

Consultare il proprio fascicolo giudiziario online tramite la carta
sanitaria elettronica. Da oggi è possibile per i cittadini
toscani. Il servizio – una novità a livello mondiale e che si
inserisce nel progetto regionale di cancelleria telematica –  è
stato presentato dal presidente della Regione Enrico Rossi, dal
presidente della Corte d'Appello di Firenze Fabio Massimo Drago
e dal giudice Giulio De Simone.

Potrà accedere al nuovo servizio qualsiasi cittadino toscano che
abbia attivato la Carta: ad oggi 964 mila persone. La Carta si usa
come una smart card: introducendola in un lettore (fornito dalle
Asl al costo di 4,20 euro), collegato al computer, i cittadini
possono accedere non solo ai propri dati sanitari personali, ma
anche agli atti, sentenze comprese, dei giudizi che li riguardano.
In futuro sarà possibile ad accedere ai propri dati relativi
all'Isee e ad altri servizi. Con il nuovo servizio sono
previsti vantaggi sia in termini di risparmio di tempo, sia di
denaro: ogni copia di atto giudiziario infatti comporta il
pagamento di un'imposta di bollo.

Lo stesso documento visibile attraverso la tessera sanitaria è
consultabile invece gratuitamente, anche se non ha valore legale.
"È un contributo unico, mi dicono a livello mondiale – ha
detto Rossi – e importante al buon funzionamento della giustizia
civile, che rappresenta un fattore di competitività per il
territorio". "Questa novità gioverà molto ai cittadini
– ha aggiunto Drago – ed è un metodo molto semplice: per ora nel
settore civile e poi in futuro anche nel settore penale".

Il servizio disponibile da oggi – si spiega in una nota della
Regione – è uno sviluppo delle potenzialità di un sistema di
archiviazione telematica dei documenti giudiziari, la cancelleria
telematica, che consente a tutti gli operatori della giustizia
(avvocati, giudici, cancellieri) di ricevere on line e
gratuitamente le comunicazioni provenienti dagli uffici giudiziari
(comprese le sentenze) e di leggere gli atti dei giudizi civili
(oggi anche penali) che interessano i singoli avvocati. Per il
progetto di cancelleria telematica, iniziato con la collaborazione
tra Regione Toscana e Corte di Appello di Firenze nel 1998, la
Regione ha investito 400 mila euro. Dopo la fase di
sperimentazione, che terminerà entro il 2011, il sistema sarà
disponibile ovunque in Toscana entro il 2012. Il percorso di
informatizzazione degli atti di cancelleria e del processo civile
ha coinvolto fino ad oggi 9 mila avvocati toscani.

Nella nota, inoltre, si ricorda che 50 avvocati fiorentini lo hanno
sperimentato fino alla completa abolizione dei documenti cartacei,
sostituiti da documenti a valore legale, firmati digitalmente, ed
entro l'anno questo accadrà anche per tutti gli avvocati del
foro fiorentino. Con il 2012 l'estensione completa interesserà
tutta la Toscana e anche la Corte d'Appello.