Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

L’Abruzzo spinge sull’e-procurement: bando da un milione di euro

La Regione punta a diffondere l’uso del mercato elettronico da parte delle PA per la fornitura di beni e servizi e a incoraggiare l’uso della modalità online da parte delle imprese

26 Mag 2010

Acquisti verdi per ridurre l'impatto ambientale e ricorso da
parte delle pubbliche amministrazioni al mercato elettronico per le
forniture di beni e servizi. Sono gli obiettivi di un bando che la
Regione Abruzzo si appresta ad emanare, con una disponibilità
finanziaria di un milione di euro, annunciato dall’assessore
all'Ambiente, Daniela Stati.
L'idea, che rientra nel piano triennale di tutela e risanamento
ambientale punta ad orientare le procedure delle PA verso
l'acquisto verde (materiali e prodotti che riducono l'uso
delle risorse naturali), la selezione dei rifiuti e il controllo
delle emissioni inquinanti

“A ciò si aggiunge l'obiettivo di stimolare le imprese
abruzzesi ad avvicinarsi in modo più ampio e consistente al
mercato elettronico – spiega l’assessore -. Diversamente
rischierebbero di venire escluse da una modalità obbligata da
norme comunitarie e dal governo nazionale per ridurre le spese
nelle pubbliche amministrazioni”.
In relazione a questo aspetto una considerevole percentuale di
acquisti in modalità e-procurement degli enti locali abruzzesi,
avvengono fuori Regione a causa della esiguità delle imprese
locali autorizzate. In questo senso – precisa la Stati – “la
nostra iniziativa di presentazione e di informazione prevede anche
che venga distribuito gratuitamente agli operatori economici un kit
per la firma digitale per validare le procedure di acquisto”.

Il programma di acquisti verdi prevede un'attività formativa
ed informativa su base provinciale di due giorni ciascuna, diretta
ad amministratori e dipendenti pubblici nonché agli operatori
economici. “Il nostro è un ulteriore sforzo – conclude
l’assessore – affinché l'Abruzzo si allinei agli standard di
altre amministrazioni pubbliche dello Stato dove il ricorso al
mercato elettronico è una modalità acquisita”.