Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

CYBERSECURITY

L’Agenzia delle Entrate mette in guardia: “Attenzione alle e-mail truffa sui rimborsi fiscali””

L’ente avverte i cittadini: “Si tratta di phishing: i messaggi di posta elettronica sono falsi. Vanno cancellati immediatamente”

30 Lug 2018

F. Me

Nuovi tentativi di phishing ai danni di alcuni cittadini che hanno ricevuto, via e-mail, false notifiche di rimborsi fiscali in nome dell’Agenzia delle Entrate. E l’ente mette in guardia i cittadini.

Nel messaggio di posta elettronica, che contiene il logo dell’Agenzia, si informa di un presunto tentativo di rimborso non andato a buon fine e si invita ad accedere al proprio portale per elaborare manualmente la procedura. Agli utenti viene chiesto di aggiornare le informazioni del proprio account accedendo a un link contenuto nel testo della e-mail.

Il messaggio proviene apparentemente da un indirizzo di posta dell’Agenzia (ad esempio noreplys221[at]agenziaentrate.gov.it o noreplys22[at]agenziaentrate.gov.it), ma è in realtà inviato da un mittente diverso, non riconducibile all’Agenzia delle Entrate.

“I messaggi di posta elettronica segnalati nascondono un evidente tentativo di entrare in possesso di informazioni riservate . si legge in una nota dell’Agenzia – Per evitare danni al proprio pc, l’Agenzia, totalmente estranea all’invio di queste comunicazioni, invita a non dare seguito al contenuto delle stesse e a cancellare immediatamente le false e-mail“.

Il Fisco italiano infatti non invia comunicazioni via e-mail relative ai rimborsi. “Sul sito internet www.agenziaentrate.gov.it nella sezione “Come sono pagati i rimborsi” – spiega la nota – si possono consultare le modalità corrette per ricevere un rimborso fiscale”

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

A
agenzia delle entrate
P
phishing

Articolo 1 di 5