AGENDA DIGITALE

L’e-payment dell’Emilia Romagna “ponte” verso PagoPA

Lepida supporta le amministrazioni nelle azioni di integrazione dei servizi sul sistema regionale PayER in vista dell’adesione alla piattaforma nazionale

31 Lug 2020

Il Decreto Legge n. 76/2020 (cosiddetto Decreto Semplificazioni) ha stabilito la data del 28 febbraio 2021 come scadenza per lo switch off completo dei pagamenti verso le pubbliche amministrazioni (PA) sulla piattaforma nazionale PagoPA.

Si tratta di una proroga che dovrebbe permettere alle PA di completare tutte le azioni necessarie per integrare i loro sistemi di incasso con il sistema PagoPA ed evitare responsabilità dirigenziali e disciplinari dovute al mancato adempimento normativo. Lepida sta supportando gli Enti Soci nelle azioni di integrazione dei servizi sulla piattaforma regionale PayER che garantisce, secondo quanto è stabilito dall’Agenda Digitale dell’Emilia-Romagna, l’adesione degli Enti della regione a PagoPA attraverso un’integrazione diretta tra PayER e PagoPA.

Ad oggi sono sono oltre 1.000 i servizi dei 324 Enti integrati con PagoPA attraverso PayER, con oltre 50 mila pagamenti al mese. Lepida sta garantendo agli Enti un costante supporto, anche grazie ad una collaborazione diretta con la società PagoPA, per la definizione delle migliori soluzioni da adottare per l’integrazione dei diversi servizi degli Enti nella loro specificità.

L’invito agli Enti è quello di non attendere gli ultimi giorni prima della nuova scadenza, come è avvenuto a giugno, ma di prendere al più presto contatto con Lepida (piattaformecittadini@lepida.it) per completare in tempo utile quanto è necessario. Tra le novità vi è anche il bando del Dipartimento della Funzione Pubblica per il supporto ai Comuni con popolazione inferiore ai 5 mila abitanti, che prevede azioni significative per l’adesione a PagoPA, e su questo punto specifico Lepida è impegnata, insieme a Regione Emilia-Romagna, nel confronto con le altre Regioni e con il livello nazionale per massimizzare il beneficio per gli Enti del territorio. Infine, l’evoluzione tecnica funzionale di PayER prosegue sia per rispondere alle esigenze degli Enti, che per garantire la completa coerenza con PagoPA e nuove opportunità per gli Enti, anche per pagamenti mobili con accollamento delle relative commissioni.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

L
lepida

Approfondimenti

E
e-payment
P
pagamenti digitali
P
pagopa

Articolo 1 di 4